in

Stellantis si prepara per il mercato cinese

Stellantis deve fare bene in Cina se vuole davvero diventare una delle case automobilistiche più importanti al mondo

fca psa stellantis

Stellantis, il gruppo che nascerà dalla fusione tra la casa automobilistica italo-americana Fiat-Chrysler e la rivale francese Peugeot, una volta finalizzato l’accordo sarà tra le case automobilistiche più importanti al mondo. Ma gli analisti dicono che per diventare un vero attore globale, Stellantis dovrà conquistare una quota nell’enorme mercato cinese.

Quando lo scorso anno è stata annunciata la fusione per un valore di 50 miliardi di dollari USA, è stata applaudita sia da analisti che da osservatori, che hanno affermato che la nuova entità avrebbe fatto sentire la sua presenza in tutti i settori di mercato: auto compatte, veicoli di lusso, auto elettriche, autocarri leggeri e SUV in tutto il mondo, ad eccezione della Cina, che è il più grande mercato di veicoli al mondo.

“Se Stellantis vuole essere un’azienda globale, la sua sfida più grande sarà quella di prendere piede nel mercato cinese”, ha detto a Xinhua Paolo Bricco, un analista del settore automobilistico autore di più libri su Fiat Chrysler. “Per essere alla pari con Toyota, General Motors e Volkswagen, Stellantis dovrà cambiare la situazione”.

Secondo i banchieri di investimento Hildebrandt e Ferrar, Fiat Chrysler e PSA hanno venduto insieme 208.500 auto in Cina nel 2019. Questa cifra copriva poco meno dell’1% del mercato automobilistico in rapida crescita del paese.

Hildebrandt e Ferrar, che dovrebbe pubblicare un rapporto sulla fusione entro la fine dell’anno, hanno affermato che quando verrà lanciato Stellantis, sarà un attore di terzo livello in Cina dietro le principali case automobilistiche nazionali e le società straniere dominanti, tra cui Volkswagen, Honda, General Motors e Toyota.

Filippo Fasulo, direttore del Centro Studi Aziendali della Fondazione Italia Cina, ha detto che i tempi potrebbero essere buoni per una nuova azienda come Stellantis per cercare di espandere il suo piccolo punto d’appoggio.

“Il mercato automobilistico cinese è maturo, ma è anche in continua evoluzione”, ha detto Fasulo in un’intervista. “Le priorità stanno cambiando, con un’attenzione sempre maggiore ai veicoli di lusso e ai veicoli ecologici. Questi sono segmenti di mercato su cui Stellantis trarrebbe probabilmente beneficio dal concentrarsi”.

Anche Bricco è d’accordo: “Penso che i veicoli che farebbero bene in Cina sono la Maserati come concorrente di BMW e Porsche dalla Germania, la Jeep e le auto elettriche della Peugeot”, ha detto. “Sono stato in Cina lo scorso anno e sono rimasto colpito da quanto sarebbero andati bene Maserati e Jeep nelle grandi città. Mi aspettavo di vederli già lì”.

Fasulo ha detto di pensare che con la giusta strategia e prodotti adattati al mercato cinese sarebbe possibile per Stellantis triplicare la sua quota di mercato in Cina entro pochi anni ed espandersi da lì.

“Sarà sicuramente una sfida difficile, forse la sfida più grande che la nuova società dovrà affrontare”, ha detto. “Ma il premio di essere uno dei principali attori nel più grande mercato automobilistico del mondo vale lo sforzo”.

La scorsa settimana, Stellantis ha compiuto un passo avanti verso la finalizzazione della fusione nominando il suo Consiglio di amministrazione. Sarà guidato dal capo della Peugeot Carlos Tavares come amministratore delegato e da John Elkann, presidente di Fiat Chrysler, come presidente. All’inizio di quest’anno, Tavares ha affermato che “ripensare” la strategia della nuova società nel mercato cinese era una priorità assoluta.

Ti potrebbe interessare: Stellantis: il verdetto dovrebbe arrivare già a novembre

Hai le notifiche bloccate!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento