in

L’ex capo di Audi è sotto processo per lo scandalo dieselgate in Germania

L’ex capo di Audi Rupert Stadler è diventato il primo alto dirigente a essere processato in Germania per lo scandalo “dieselgate”

Audi
Audi

L’ex capo di Audi Rupert Stadler è diventato il primo alto dirigente a essere processato in Germania per lo scandalo “dieselgate”, che ha scosso l’industria automobilistica nel 2015. Il signor Stadler è comparso mercoledì davanti a un tribunale di Monaco per rispondere dell’accusa di frode, che nega. Il proprietario di Audi, il gruppo Volkswagen, ha ammesso di aver installato un software che ha imbrogliato nei test delle emissioni in 11 milioni di veicoli diesel in tutto il mondo cinque anni fa.

Non un solo alto dirigente è stato condannato fino ad ora per lo scandalo in Germania. Tuttavia, due dipendenti Volkswagen hanno ricevuto pene detentive negli Stati Uniti. Stadler è accusato di  aver venduto consapevolmente auto in cui era presente il software del motore che manipolava i test e rendeva legali auto non conformi agli standard ambientali. Quando i regolatori statunitensi hanno scoperto la truffa nel 2015, Volkswagen ha inizialmente affermato che era opera di una manciata di ingegneri e che non erano coinvolti senior manager.

Ma le testimonianze dei dipendenti hanno portato i pubblici ministeri a incarcerare il signor Stadler per quattro mesi nel 2018. Sul banco degli imputati anche l’ex manager di Audi e Porsche Wolfgang Hatz e due ex ingegneri, che smentiscono anche loro le accuse di frode.

L’imputato è accusato di aver taroccato più di 434.000 veicoli Volkswagen, Audi e Porsche venduti in Europa e negli Stati Uniti. Se giudicati colpevoli, rischiano fino a 10 anni di carcere, anche se una sentenza non è prevista fino a dicembre 2022.

Ti potrebbe interessare: Alfa Romeo potrà mai sfidare ad armi pari Audi, BMW e Mercedes?

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento