in

Lancia Delta S4 Stradale: un bellissimo esemplare è in vendita a 850.000 euro

La vettura ha fatto parte in passato di un paio di collezioni

Lancia Delta S4 Stradale 1985

Lancia è passata alla realizzazione di vere e proprie auto da corsa alla produzione di un solo modello, la Ypsilon, che è disponibile esclusivamente in Italia ed è tutt’altro che entusiasmante. In questo articolo, però, vi parleremo di una delle icone della storia della casa automobilistica torinese, ossia la Lancia Delta S4.

Nonostante somigliasse molto alla normale Delta, la S4 non aveva molte caratteristiche in comune, neanche la costruzione in quanto utilizzava un telaio con una struttura reticolare di tubi saldati al nichel-cromo e un motore posizionato al centro per una migliore distribuzione dei pesi e una maneggevolezza superiore.

Lancia Delta S4 Stradale 1985
Lancia Delta S4 Stradale interni

Lancia Delta S4: un esemplare Stradale è in cerca di un nuovo proprietario

Il quattro cilindri in linea era abbinato a una trasmissione manuale ed era in grado di sviluppare meno di 250 CV, circa la metà della versione rally. Secondo le informazioni fornite dallo storico marchio italiano, la Lancia Delta S4 riusciva a scattare da 0 a 96 km/h in circa 6 secondi e raggiungeva una velocità massima di 225 km/h.

L’esemplare presente in questo articolo è disponibile all’acquisto sul sito Web Mobile ed è stato immatricolato nel 1985. Il contachilometri di questa vettura segna meno di 12.000 km e negli ultimi 10 anni è stata mantenuta in un clima protetto e mai utilizzata.

Nel corso degli anni, la Lancia Delta S4 Stradale ha fatto parte di un paio di collezioni che includevano diverse auto da rally del Gruppo B. La descrizione dell’annuncio di vendita riporta che l’auto funziona molto bene. Per quanto riguarda il prezzo, il rivenditore chiede 850.000 euro per portarsi a casa questo splendido gioiello.

Hai le notifiche bloccate!!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento