in

Fiat con Stellantis rafforzerà la sua posizione in America Latina e in Europa

Fiat avrà un ruolo importante all’interno del nascente gruppo Stellantis come marchio di riferimento nel mediterraneo e in America Latina

Fiat
Fiat

Fiat avrà un ruolo importante all’interno del nascente gruppo Stellantis. Il marchio automobilistico di Torino si candida a diventare il brand principale del gruppo almeno per quanto riguarda i paesi del mediterraneo e quelli dell’America Latina, due aree del mondo in cui da sempre la principale casa automobilistica italiana è particolarmente apprezzata.

In America Latina sappiamo già che dopo il grande successo ottenuto dai pick up Fiat Strada e Toro e dopo l’ottima accoglienza ricevuta anche da Argo, Cronos e Mobi, la casa italiana lancerà nuovi modelli. In particolare amplierà la sua gamma introducendosi in segmenti particolarmente redditizi. Questo avverrà grazie al lancio di due SUV.

Il primo ad arrivare nel 2021 sarà un SUV compatto su base Argo che andrà a collocarsi nel segmento B del mercato con una lunghezza di circa 410 cm. Il secondo invece sarà un SUV sportivo che trarrà origine dal pickup Toro ma che si ispirerà anche alla concept car Fastback. In futuro però altri modelli arricchiranno la gamma della principale casa automobilistica italiana in America Latina.

In Europa invece Fiat 500 elettrica rappresenterà l’unica proposta del marchio nel segmento A. Nel segmento B arriveranno almeno due modelli uno dei quali sarà l’erede di Panda che darà origine ad una famiglia di auto. Previsti nuovi modelli anche nel segmento C e D del mercato. Molti di essi saranno prodotti negli stabilimenti FCA in Serbia e Polonia. Fiat 500 diventerà una gamma di auto con una versione a 4 porte, un SUV e una hatchback che dovrebbero venire tutte prodotte in Italia.

Ti potrebbe interessare: Nuova Fiat Uno: ecco quale potrebbe essere il suo aspetto

 

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento