in

Sensore salvabebè: Tesla si mangia tutti?

Come nella tecnologia elettrica, la Casa di Elon Musk potrebbe arrivare per prima

tesla

Sensore salvabebè: Tesla si mangia tutti? Come nella tecnologia elettrica, la Casa di Elon Musk potrebbe arrivare per prima. Infatti, sta lavorando su un sensore che potrebbe evitare di lasciare i bambini in auto. Impedendo la morte per asfissia o ipertermia sotto il Sole estivo: lo dice un documento sottoposto alla Federal Communications Commission statunitense per chiedere l’approvazione al lancio sul mercato.

Sensore salvabebè: in cosa consiste

  1. È un sensore radar a onde millimetriche.
  2. Ha 4 antenne trasmittenti più 3 riceventi.
  3. Opera nella banda a 60-64 Ghz.
  4. È in grado di rilevare il movimento, anche quello minimo del respiro o del battito cardiaco.
  5. Può vedere attraverso materiali morbidi, come una coperta sopra al bambino,
  6. Sa distinguere tra un bambino e un oggetto lasciato sul sedile posteriore, riducendo i falsi allarmi.

Altre funzioni della tecnologia Tesla

  1. Al di là del bimbo dimenticato, questo sensore riduce il rischio di colpi di calore dei bambini in auto coi genitori in macchina, o con uno dei due che guida.
  2. Con l’imaging radar, il sensore potrebbe regolare il dispiegamento dell’airbag in caso d’incidente: si regola secondo che sia seduto un bambino o un adulto.

Funzione anti-dramma sociale

Nel vademecum pubblicato dal ministero della Salute per prevenire i casi dei bambini dimenticati in auto, si legge che ogni anno negli Stati Uniti muoiono in media 36 bambini per ipertermia. Perché lasciati soli in macchina dai propri genitori. Siamo a 468 morti negli ultimi 12 anni. In Francia, la Commissione per la Sicurezza dei Consumatori ha stimato che, tra il 2007 e il 2009, ci sono stati 24 casi. In Italia, non ci sono statistiche ufficiali: gravissima carenza.

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento