in

Jeep: tutte le novità imminenti, tra cui Wrangler e Cherokee

Anteprima mondiale per i due modelli ai Saloni di Los Angeles e Detroit.

Jeep

Nel corso dell’incontro con gli azionisti di FCA per i risultati del terzo trimestre del 2017, il management del gruppo automobilistico italostatunitense ha svelato il piano industriale di Jeep per il breve termine. All’imminente Salone di Los Angeles, in programma il prossimo mese di novembre, sarà presentata ufficialmente la nuova generazione della Wrangler. Al Salone di Detroit di gennaio, invece, sarà svelata la Cherokee restyling, assieme al nuovo truck RAM 1500.

Il documento evidenzia soprattutto l’assemblaggio dei vari modelli, a partire dalla rinnovata Jeep Cherokee che non sarà più prodotta nell’impianto di Toledo North (Ohio), ma nello stabilimento di Belvidere (Illinois) al posto della berlina compatta Dodge Dart che è uscita di scena nel mese di ottobre del 2016. A Toledo North, invece, sarà assemblata la nuova Jeep Wrangler, perché sarà aumentata la capacità produttiva della fabbrica di ben 60.000 unità in più.

L’attuale Jeep Wrangler è assemblata a Toledo South (sempre in Ohio) e la produzione continuerà anche nel 2018, prima della riconversione industriale per l’assemblaggio della variante pick-up che dovrebbe essere commercializzata con denominazione Scrambler.

Il nuovo truck RAM 1500, invece, non sarà prodotto più nell’impianto di Warren Truck (Michigan), ma nello stabilimento di Sterling Heights (sempre in Michigan), dove è stata assemblata la berlina media Chrysler 200 fino al mese di dicembre dello scorso anno. Come accadrà per la Wrangler, anche il trasferimento della produzione del RAM 1500 consentirà di aumentare la capacità produttiva nell’ordine delle 60.000 unità in più.

Infine, la fabbrica di Warren Truck sarà aggiornata per l’assemblaggio di due nuovi modelli con il brand Jeep, vale a dire le ‘redivive’ Wagoneer e Grand Wagoneer che andranno a posizionarsi al top di gamma. Le due nuove SUV saranno svelate nel 2018, ma debutteranno quasi certamente l’anno successivo.