in , ,

Col Foglio rosa sulla Ferrari rossa

Sì, si può. Non esiste la regola delle auto potenti vietate

foglio rosa ferrari rossa

Col Foglio rosa sulla Ferrari rossa: possibile? Tutto in regola? Sì. Chi ha il Foglio rosa può esercitarsi se accanto c’è un esperto: minimo 60enne e con patente B per le auto da minimo tre anni (oppure con licenza superiore conseguita in qualsiasi data). Può guidare qualsiasi vettura, quelle potentissime incluse, le supercar comprese: sì perfino alle Ferrari.

Col Foglio rosa sulla Ferrari rossa

Ma cosa deve avere la Ferrari del ragazzo con Foglio rosa? Gli autoveicoli per le esercitazioni e gli esami di guida devono essere muniti di appositi contrassegni recanti la lettera alfabetica “P”. Contrassegno sostituito per i veicoli delle autoscuole con la scritta “scuola guida”. L’autorizzazione è valida per sei mesi. Chi guida senza l’autorizzazione per l’esercitazione, ma l’esperto a fianco, subisce una multa di 431 euro. Idem l’esperto. Chi, autorizzato per l’esercitazione, guida senza avere a fianco l’esperto, paga una multa di 431 euro 1.734. Più il fermo amministrativo del veicolo per 3 mesi.

Limite potenza neopatentati

Quindi, hai il Foglio rosa e guidi le Ferrari rosse. Ma appena hai la patente, guidi solo macchinine. Per un anno da quando hai conseguito la patente, puoi guidare soltanto auto con potenza specifica, riferita alla tara, superiore a 55 kW/t. E comunque con potenza massima di 70 kW. Se no, multa di 165 euro e sospensione della patente da due a otto mesi.

Se sei neopatentato, e guidi l’auto potente di papà, in caso di incidente mandi papà nei guai: la compagnia paga i danni, ma poi si rivale sul cliente. Che deve indennizzare la compagnia. È la rivalsa assicurativa. Occhio perché possono anche esserci incidenti con decine di migliaia di euro di danni. O centinaia di migliaia: si pensi ai sinistri con lesioni gravi e morti.

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI