in

Sicurezza stradale: gli automobilisti europei hanno paura degli altri guidatori

Le cause principali riguardano anche le alte velocità e l’uso dello smartphone durante la guida

Sicurezza stradale automobilisti europei

Oltre il 50% degli automobilisti europei afferma che il comportamento degli altri guidatori rappresenta il rischio principale nella guida di un’auto nel periodo estivo. Questa informazione emerge da uno studio condotto da Nokian Tyres, un noto produttore finlandese di pneumatici.

Oltre al comportamento degli altri automobilisti, la percezione di rischio più elevato sulle strade in estate deriva anche dalle alte velocità e dall’utilizzo dello smartphone durante la guida. In particolare, i guidatori di Italia, Polonia e Repubblica Ceca sono quelli che hanno meno fiducia negli altri automobilisti.

Sicurezza stradale automobilisti europei
Sicurezza stradale, ecco i rischi stradali principali secondo gli automobilisti europei

Sicurezza stradale: il comportamento degli altri automobilisti rappresenta il rischio principale durante la guida in estate

I rischi collegati al viaggiare in auto rappresentano la maggiore preoccupazione per gli intervistati con età superiore ai 51 anni. In questa categoria, la maggior parte dei guidatori pone attenzione alle condizioni del manto stradale e al comportamento degli altri conducenti durante la guida.

Ciò può essere dovuto al maggior tempo necessario a quest’ultimi per reagire in caso di difficoltà e nel fatto che spesso sono alla guida di vetture più vecchie. Sempre secondo l’indagine condotta da Nokian Tyres, oltre un terzo degli automobilisti controlla la profondità del battistrada degli pneumatici della propria auto due volte all’anno mentre il 24% compie questo controllo ogni due o tre mesi e il 13% una volta all’anno.

Il 10% degli automobilisti europei intervistati, invece, non ricorda quando ha effettuato l’ultimo controllo alle gomme. Tra quelli che controllano ogni due o tre mesi le condizioni degli pneumatici ci sono gli italiani, coloro che percorrono annualmente dai 30.000 ai 40.000 km o più, gli uomini e gli automobilisti con oltre 66 anni di età.

Martin Dražík, Product Manager di Nokian Tyres Europe, ha detto: “La nostra survey mostra che solo una piccola percentuale di persone presta attenzione all’usura degli pneumatici. Ma questi sono gli unici punti di contatto dell’auto con la strada e le loro condizioni sono fondamentali quando si parla di sicurezza stradale. Ad esempio, con pneumatici usurati che presentano una profondità del battistrada di 2 mm, lo spazio di frenata può arrivare fino a 12 metri in più alla velocità di 80 km/h su una strada bagnata, rispetto a quanto avviene con pneumatici nuovi (rivista automobilistica Tekniikan Maailma 16/2016)”.

Dražík ha proseguito dicendo: “Allo stesso tempo, è interessante notare che gli intervistati di tutti i Paesi coinvolti nella survey hanno indicato quali caratteristiche di sicurezza l’aderenza su strade bagnate e asciutte, la stabilità degli pneumatici e la sicurezza in situazioni estreme: tutti questi elementi sono considerati come caratteristiche principali degli pneumatici, a cui prestare molta attenzione quando se ne acquistano di nuovi“.

Infine, Nokian Tyres ricorda che gli pneumatici sicuri per affrontare il periodo estivo devono avere un battistrada profondo oltre 4 mm e con una durata che non dovrebbe superare i sei anni.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento