in ,

Anno 2020 spartiacque automotive

Lo dice l’Unrae (Case estere), nella sua analisi del 2019

2020_anno-zero auto

L’anno 2020 spartiacque automotive: questa la tesi di Andrea Cardinali, direttore generale Unrae (Case estere), nella sua analisi del 2019. Perché il 2020 è l’anno del Covid, è destinato a fare da separatore. Come e più di quanto lo siano stati il 2001 con l’attentato alle Torri Gemelle e il 2008 con il crack di Lehman Brothers.

Anno 2020 spartiacque automotive: facciamo un passo indietro

Già prima della pandemia, il settore automotive stava andando incontro a una fase di grande complessità, spiega l’Unrae. Caratterizzata da quella “tempesta perfetta”, evidenzia Cardinali, che alcuni analisti hanno delineato nell’incrocio fra transizione energetica e mutazione della domanda. Un “deserto dei profitti” all’orizzonte. Causato dagli enormi investimenti sostenuti e dall’entrata in vigore, proprio nel 2020, delle sanzioni legate agli stringenti limiti europee sulle emissioni di CO2.

Vediamo l’Italia coi dati dell’Unione Case estere: alla vigilia del lockdown, il mercato italiano mostrava ormai evidenti avvisaglie di una crisi latente in tutti i comparti. Dopo aver archiviato un 2019 in stagnazione per le vetture (+0,3%) e in lieve crescita per i veicoli commerciali (+4%), ma già in calo deciso per veicoli industriali, rimorchiati e autobus (circa -8%).

Il bilancio del 2019: auto in Italia

Dopo il minimo storico toccato dal mercato nel 2013 con 1.305.000 auto immatricolate, gli acquisti hanno ripreso a crescere stabilizzandosi nel 2019 a 1.917.000 unità (+0,3%). La benzina nel 2019, spiega l’Unrae, torna market leader. A scapito del diesel penalizzato dalle campagne di demonizzazione e dai blocchi alla circolazione, che scende a sfiorare la soglia del 40% di quota di mercato. Prosegue, invece, l’ascesa delle vetture elettrificate (HEV, BEV e PHEV) che nel complesso nel 2019 hanno coperto il 6,6% delle preferenze degli italiani.

Parco circolante nel nostro Paese

A fine 2019, il parco circolante delle auto ha raggiunto 38.360.000 unità. Con una quota ancora molto alta di auto obsolete da Euro 0 ad Euro 3 (30%). Se aggiungiamo le non più giovani Euro 4, arriviamo a superare abbondantemente la metà del parco (58%). Per le vetture, l’età media si attesta intorno agli 11 anni e mezzo, per i veicoli industriali con peso oltre 3,5 tonnellate è di 13,6 anni, per gli autobus di poco meno di 12 anni, tutti dati superiori alle rispettive medie europee. Non resta che attendere gli ecobonus.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento