in ,

Noleggio a giugno 2020: ancora giù

Pessimi numeri anche nel sesto mese dell’anno. E i futuri ecobonus faranno poco per il noleggio

noleggio-a-lungo-termine

I dati forniti da Salvatore Saladino (Country Manager di Dataforce Italia) parlano chiaro:  senza incentivi, male il noleggio a giugno 2020. Destinato ad azzerarsi causa pandemia di coronavirus, a meno che arrivino gli incentivi. Noleggio a giugno 2020. Infatti, con 146.809 nuove immatricolazioni (auto più veicoli leggeri), il sesto mese ha fatto segnare un calo del 22%.

noleggiio lungo

Noleggio a giugno 2020: vendite nel lungo e breve termine

Va fatta una distinzione. Il noleggio a lungo termine (dura anni, è quello aziendale) ha limitato le perdite a un livello simile alla media del mercato (-21% con 21.418 nuove targhe). Vedi tabella in alto.

Il breve termine (dura giorni, per business e turismo) è crollato del 67%. In questo secondo settore, il parco circolante attuale basta e avanza per le esigenze di un comparto business alle prese con una mobilità ridotta. Poi mancano i turisti stranieri: quelli che prendevano a noleggio la macchina per visitare il Paese più bello del mondo. Vedi tabella in basso.

noleggio breve

I bonus auto per ripartire? Per i privati, sì

A detta di Saladino, le speranze di rilancio del comparto automotive sono legate esclusivamente a un provvedimento di incentivazione all’acquisto legato al bonus rottamazione. Il Parlamento lo voterà nei prossimi giorni su proposta del Governo ed entrerà in vigore il 1° di agosto con durata, per il momento, limitata alla fine dell’anno.

Ma, prosegue Saladino, questa tornata di ecoincentivi agevolerà principalmente gli acquisti privati. Perché i bonus diventano consistenti soltanto in caso di rottamazione, che per le flotte aziendali è quasi inesistente.

Gli ecobonus per le elettriche e le ibride con emissioni fino a 20 g/km di CO2 scendono da 10.000 euro a 6.000, in assenza di un veicolo inquinante da togliere dalla circolazione, da 6.500 a 3.500 euro per i veicoli nella fascia 21-60 g/km (ibridi plug-in), e da 3.500 a 1.750 euro per quelli con qualsiasi alimentazione rientranti nei limiti massimi di emissioni fino a 110 g/km.

La soluzione per il noleggio? L’allineamento della fiscalità sulle flotte aziendali ai livelli europei, 100% di detraibilità dell’Iva e 100% di deducibilità dei costi.