in

Jeep: l’espansione in Cina continua con il debutto della nuova Compass

Uno dei fulcri del programma di crescita futura di FCA è legato alla progressiva trasformazione del brand Jeep destinato a diventare, entro il 2018, un marchio globale in grado di raggiungere quota 2 milioni di unità vendute all’anno in tutto il mondo. Per raggiungere tale obiettivo un ruolo determinate lo giocherà la Cina, un mercato dove Jeep era, sino a pochi mesi fa, praticamente assente e che da oggi può vantare il terzo modello del brand americano, ovvero la Jeep Compass che in questi giorni fa il suo debutto in Asia. 

La versione cinese della Jeep Compass viene realizzata nello stabilimento di Guangzhou-Fiat, la joint venture che già produce la Fiat Ottimo e la Fiat Viaggio, le due segmento C nate dalla base dell’attuale generazione dell’Alfa Romeo Giulietta, e i primi due modelli Jeep presentati in Cina, ovvero la Renegade e la Cherokee.  La nuova Jeep Compass poggia le sue basi su di una variante allungata della piattaforma Small-Wide 4×4 di FCA, la stessa della Renegade e della 500X. In Cina la nuova Jeep Compass viene realizzata in due varianti. Il modello base, denominato 200T, monta un motore 1.4 litri turbo da 165 CV affiancato da un cambio manuale a sei marce o da un automatico DSC a 7 rapporti. La seconda versione della Compass è la 200TS Trailhawk che monta un 2.4 litri da 175 CV. jeep-compass

L’obiettivo di Jeep per la sua nuova Jeep Compass è di raggiungere una quota di circa 5 mila unità vendute al mese. Si tratta di un traguardo tutto sommato alla portata della vettura, considerando anche l’enorme vastità del mercato locale. Attualmente, Jeep vende circa 10000 unità di Jeep Cherokee al mese e poco meno di 4 mila unità di Renegade.

Leggi anche: Jeep, delocalizzazione della produzione per conquistare il mercato mondiale

Gli obiettivi di Jeep per il mercato cinese sono chiari. Al fine di raggiungere la quota di 2 milioni di unità vendute all’anno in tutto il mondo (di cui più  milione arrivano dal Nord America) Jeep deve raggiungere circa 500 mila unità vendute all’anno nei mercati asiatici e, come facile prevedere, la Cina gioca un ruolo fondamentale in questo obiettivo. Il brand americano ha, quindi, predisposto una gamma vasta ed articolata in grado di raggiungere differenti segmenti di mercato al fine di aumentare notevolmente i risultati di vendita in pochi mesi. Il 2018, anno in cui terminerà l’attuale piano industriale del brand Jeep, si avvicina sempre di più. Stando alle attuali previsioni di vendita (i dati definitivi arriveranno soltanto nel corso dei primi giorni del prossimo anno) Jeep dovrebbe chiudere il 2016 con circa 130 mila unità vendute in Cina. Si tratta di un risultato importante che però è destinato a raddoppiare (almeno) nel corso dei prossimi anni.

Continuate a seguirci, anche nel corso delle prossime settimane per tutti gli aggiornamenti legati ai piani di espansione di Jeep, in Cina e nel resto del mondo. Il marchio americano promette di vivere un 2017 di nuovi successi.

bollo auto storiche

Bollo auto storiche: illeggittima la norma del Veneto per la Consulta

Alfa Romeo Stelvio Veloce.

Alfa Romeo Stelvio Veloce: nuove foto online