in

Leclerc avvistato a Maranello con la SF1000 prima della prova a Fiorano

Charles Leclerc ha deciso di utilizzare la sua SF1000 a Maranello per raggiungere la pista di Fiorano

Leclerc
Leclerc

Charles Leclerc e Ferrari si sono svegliati presto oggi per un test a Fiorano. Il monegasco è tornato a lavorare “in grande stile” e nonostante il fatto che il circuito sia a pochi metri dalla fabbrica di Maranello, Charles ha deciso di utilizzare la sua SF1000 per raggiungere la pista. La stampa aveva già riferito che la Scuderia avrebbe girato a Fiorano, la pista che si trova a pochi metri dalla fabbrica del team, con la SF71H del 2018. Tuttavia, oggi alle 6:30 CEST del mattino Leclerc ha svegliato gli abitanti di Maranello ruggendo quest’anno il V6 della sua SF1000, con il quale ha camminato per le strade di Maranello.

Il monegasco ha deciso di arrivare con classe sul circuito e per questo ha deciso di usare la sua Ferrari di quest’anno, quella che gli è mancato di più durante queste settimane di pausa. “Buongiorno, Maranello! Scusa se ti ho svegliato stamattina, stavo solo andando a lavorare”, Charles ha condiviso oggi sui social network insieme a un’immagine con la Ferrari SF1000 a Maranello.

Una volta sul circuito, dove Marc Gené li attendeva, sia Leclerc che Vettel lavoreranno al test privato che la Scuderia ha organizzato in modo che i suoi piloti recuperino le sensazioni e siano pronti per il riavvio della stagione.

Lo faranno, sì, con l’auto del 2018, la SF71H, poiché i regolamenti non consentono test con le auto attuali. Le auto che possono essere testate devono avere almeno due anni. In questo modo, la Ferrari si unisce a team come Mercedes o Renault, che hanno effettuato dei test per preparare il “ritorno a scuola”.

Ti potrebbe interessare: La Ferrari pubblica “Le Grand Rendez-Vous” con Charles Leclerc e SF90 Stradale

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento