in ,

Ferrari 488 GTE e GTE Evo: alcuni esemplari sfrecciano sul Circuito di Monza

Diversi esemplari catturati in video durante una sessione di prove sul famoso tracciato

Ferrari 488 GTE e GTE Evo Monza

La Ferrari 488 GTE è un’auto da competizione realizzata dalla casa automobilistica modenese per competere nella categoria GTE delle gare Endurance.

Attualmente, il veicolo compete nel Campionato del mondo endurance (FIA WEC) e alla 24 Ore di Le Mans tramite il team ufficiale AF Corse nella classe GTE Pro e nelle principali gare dell’IMSA Weathertech Sportscar Championship nella classe GTLM con il team Risi competizione.

Ferrari 488 GTE e GTE Evo Monza
Ferrari 488 GTE e GTE Evo in azione

Ferrari 488 GTE e GTE Evo: diversi esemplari dell’auto da competizione mostrano la loro potenza in un video

Assieme alla sorella gemella GT3, la 488 GTE è stata presentata nel 2015 sul Circuito del Mugello. Rispetto al modello precedente, la vettura da competizione dispone di una livrea più metallizzata e inoltre abbiamo un pianale in alluminio con una cella per il pilota realizzata in acciaio.

Se ciò non bastasse, l’auto dispone di un grosso diffusore caratterizzato da un riadattamento nella parte centrale e da flap disposti lateralmente per convogliare meglio i flussi d’aria nella parte posteriore. Come previsto dal regolamento, sul tettuccio è presente una finestrella di sicurezza per permettere al pilota di uscire dall’abitacolo della vettura in caso di problemi.

Nel 2018, sia la GT3 che la Ferrari 488 GTE hanno ricevuto alcuni aggiornamenti tramite il kit Evo che ha introdotto modifiche principalmente al design aerodinamico e alla carrozzeria. In fondo all’articolo trovate uno degli ultimi video pubblicati su YouTube da 19Bozzy92 che ci mostra diversi esemplari delle 488 GTE 2016 e GTE Evo 2018 mentre effettuavano alcune prove sul Circuito di Monza.

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento