in

Alesi prevede che con Sainz non ci saranno problemi interni alla Ferrari

Jean Alesi, ex pilota di F1 per la Ferrari, ha dichiarato che spera che la Ferrari non abbia problemi interni con Carlos Sainz e Charles Leclerc dal 2021

Jean Alesi
Jean Alesi

Jean Alesi, ex pilota di F1 per la Ferrari, ha dichiarato che spera che la Ferrari non abbia problemi interni con Carlos Sainz e Charles Leclerc dal 2021. Alesi, che ha gareggiato in oltre 200 GP di Formula 1, ha elogiato Carlos Sainz per la sua reputazione di lavoratore e per l’esperienza acquisita all’età di 25 anni prima di fare il salto in Ferrari.

“Hanno due giovani piloti e sono molto professionali. A quanto ho capito, Carlos lavora molto duramente e ha molta esperienza dopo aver corso con McLaren e Renault. Proviene da due team di grande esperienza. Quindi sarà più facile controllare questi due piloti. Quando hai un Campione del mondo, qualcuno molto carismatico, è difficile ammorbidirlo “, ha sostenuto Alesi per la rete britannica Sky Sports F1.

Dall’altro lato della storia, Alesi ha descritto come “fallimento” il fatto che Vettel non abbia raggiunto una Coppa del Mondo con la Ferrari ma ha escluso che le colpe siano del tedesco per questo, e ammette di essere stato sorpreso dalla notizia della sua partenza da Maranello così presto . “Ho molto rispetto per Sebastian perché è un quattro volte campione del mondo. Ha messo il suo talento e tutto ciò che ha in questa sfida di essere campione del mondo con la Ferrari, ma ha fallito ” , ha detto Alesi.

“Ha fallito, ma non a causa sua o della squadra, semplicemente perché qualcosa è andato storto. In effetti sono rimasto sorpreso dal fatto che ha annunciato che avrebbe lasciato la Ferrari senza aver iniziato la stagione 2020. Ma questo dimostra che è coraggioso e che sa cosa lo farà l’anno prossimo “, ha aggiunto. L’ex pilota francese ha tracciato un parallelo tra Vettel e Michael Schumacher, il pilota che lo ha sostituito proprio nei ranghi della Ferrari per la stagione 1996 e ha messo in evidenza le differenze tra i due viaggi.

“Quando un campione del mondo come Sebastian arriva nella squadra, vuoi dargli tutto quello che hai. Ma devi vedere se sei capace. Quando la squadra non è in grado di dare a un campione ciò che chiede, allora iniziano i problemi.”

“Se prendiamo come esempio Michael Schumacher, ha preso il mio posto ma è venuto con un team tecnico. Ha lavorato con le stesse persone che lo avevano reso campione in passato. E nonostante ciò, ci sono voluti quattro anni per diventare di nuovo campione. La situazione di Seb era diversa, perché voleva insegnare al nuovo team tecnico il modo di lavorare che voleva. Se avesse portato Adrian Newey alla Ferrari, le cose sarebbero andate diversamente “, ha concluso.

Ti potrebbe interessare: Jean Alesi afferma che Charles Leclerc “sarà presto campione del mondo”

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento