in

Binotto, sulla gerarchia in Ferrari: ‘La pista metterà Leclerc e Sainz al loro posto’

Sarà la pista a decidere chi tra Leclerc e Sainz sarà il pilota numero uno della Ferrari secondo Binotto

Sainz e Leclerc
Sainz e Leclerc

Dopo aver confermato la firma di Carlos Sainz da parte della Ferrari, la domanda era inevitabile: il team consentirà al pilota spagnolo di sfidare Charles Leclerc? La storia è piena di piloti con lo stato numero 1, soprattutto in Ferrari , ed è indiscutibile che il Monegasco sia la scommessa futura della Scuderia. Ma ci sono molti modi per gestire una coppia di piloti o per determinare quale di essi meriti la preferenza quando si tratta di ricevere materiale o scegliere una strategia. Per molti, Michael Schumacher ha sempre avuto il chiaro stato numero 1 in Ferrari, ma ciò che dobbiamo chiederci è come il tedesco è arrivato a quel punto.

“La prima cosa è avere due buoni piloti, lo spirito di squadra è ciò che conta, assicurarsi che la Ferrari venga prima”, afferma Mattia Binotto. “E penso che sarà la pista stessa a dettare chi è il primo e chi è il secondo. È sempre stato così anche ai tempi di Michael Schumacher, che ha iniziato ogni anno allo stesso livello del suo compagno di squadra, ma nella terza gara era chiaro chi era il primo » . Binotto dà la chiave: che Charles Leclerc e Carlos Sainz inizieranno la stagione su un piano di parità e che la competizione determinerà chi è nella posizione migliore per il titolo mondiale. Ma lo spagnolo avrà davvero la possibilità di lottare per il titolo nella sua prima stagione in rosso?

“Saremmo felici se gareggiasse ai massimi livelli, come Charles, e aiutasse la Ferrari a raggiungere l’obiettivo generale del titolo costruttori”, spiega il direttore della Ferrari. “Penso che il primo anno sarà più difficile perché deve prima capire la macchina e la squadra, ecco perché non abbiamo firmato un contratto di un anno con lui, ma sono sicuro che che è molto veloce e può finalmente diventare campione del mondo » ha detto Binotto.

“Molti sono rimasti sorpresi dalla firma di Carlos Sainz che, in ogni caso, ha completato un’eccezionale stagione 2019. Cosa ha spinto la Ferrari ad assumere il pilota spagnolo? Non era solo una cosa o una ragione. Innanzitutto, è un giovane pilota e siamo una squadra giovane che sta cercando un lungo ciclo con piloti giovani ed esperti, il che è importante. È un gran lavoratore, intelligente e veloce e, soprattutto, capisce qual è lo spirito della Ferrari “, spiega Binotto.

Ti potrebbe interessare: L’addio di Binotto e Vettel: “Questa decisione non risponde a un motivo specifico”

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento