in

Hertz ha pagato 16 milioni di bonus prima di dichiarare bancarotta

Oltre 16 milioni di dollari di bonus destinati ad alcuni dipendenti importanti della società di noleggio auto

Hertz blocco coronavirus

La settimana scorsa Hertz ha presentato istanza di fallimento, come riportato in un recente articolo. Tuttavia, un nuovo deposito presso la U.S. Securities and Exchange Commission rivela che centinaia di persone hanno ricevuto dei bonus all’ultimo minuto.

In questo deposito, Hertz ha affermato di aver stipulato degli accordi chiave sulla conservazione dei dipendenti con 340 lavoratori il 19 maggio, tre giorni prima di dichiarare fallimento. In totale, la famosa società di autonoleggio ha pagato circa 16,2 milioni di dollari in bonus ai dipendenti più importanti.

Coronavirus Hertz
Hertz, la legge fallimentare permette alla società di tenere la sua flotta di veicoli

Hertz: alcuni dipendenti dell’azienda ottengono bonus da migliaia di dollari

Hertz afferma di aver ricevuto i soldi in riconoscimento dell’incertezza finanziaria e operativa data dall’emergenza coronavirus, il lavoro extra svolto da loro come risultato tagliando migliaia di posti di lavoro, la perdita della loro partecipazione al consueto piano di bonus dell’azienda e il loro desiderio di continuare a lavorare con il colosso del noleggio anche durante questi tempi difficili.

Come riportato da Reuters, i bonus sono stati pagati immediatamente e alcuni dirigenti hanno addirittura guadagnato centinaia di migliaia di dollari. In particolare, Paul Stone – presidente e CEO di Hertz – ha ricevuto 700.000 dollari mentre Jamere Jackson – Chief Financial Officer – è stato pagato 600.000 dollari. Anche Jodi Allen, Chief Marketing Officer, ha ricevuto un bonus pari a 189.633 dollari.

Il deposito effettuato da Hertz ha osservato che il fallimento impedisce la cessazione dei contratti di locazione della loro flotta e non richiede loro di liquidare la flotta di veicoli per pagare i debiti. Al contrario, questo consente loro di continuare ad utilizzare i veicoli nelle loro operazioni e mantenere il controllo sulla disposizione di tali auto, fatte salve le disposizioni applicabili dal Bankruptcy Code (Legge Fallimentare).

Questo è stato uno degli aspetti più interessanti della bancarotta di Hertz in quanto un’improvvisa liquidazione della flotta della compagnia di noleggio auto avrebbe fatto crollare i prezzi delle vetture usate. Anche se non sembra una cosa imminente, molti analisti del settore sostengono che la società alla fine si sbarazzerà di migliaia di veicoli.

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento