in

Ferrari ti ama quando lo fai bene, senza successo c’è attrito secondo Wurz

Alexander Wurz ritiene che la pressione alla Ferrari non abbia precedenti

Vettel e Leclerc - Ferrari
Vettel e Leclerc - Ferrari

Alexander Wurz ritiene che la pressione alla Ferrari non abbia precedenti. Secondo il presidente della GPDA (Grand Prix Drivers ‘Association), anche questo è qualcosa che Sebastian Vettel ha dovuto affrontare negli ultimi anni. “Sebastian è un mio amico, ma non ha mai voluto parlare delle sue difficoltà alla Ferrari. È sempre molto chiuso al riguardo “, riferisce Wurz in una conversazione con Sky Sports . L’austriaco nota che i primi anni di un pilota alla Ferrari sono spesso belli con molto amore ed emozione, ma questo svanisce dopo alcune stagioni.

“La Ferrari chiede molto ai suoi piloti. Ti amano quando fai bene, ma quando hai poco successo c’è attrito. Il team quindi fa di tutto per proteggere il nome, il lavoro e la qualità della Ferrari” , afferma Wurz. La Ferrari stabilisce standard elevati e non si preoccupa di inviare un pedone importante fuori dalla corsia se pensano che sia nell’interesse della scuderia.

Questo non vale solo per i piloti, ma anche per i capi squadra. Jean Todt è stato l’ultimo capo a vincere un titolo mondiale con la scuderia con sede a Maranello, ma poi Stefano Domenicali e Maurizio Arrivabene sono stati costretti a lasciare il palco dopo cattivi risultati. “Penso che ciò sia in parte dovuto alla pressione e all’influenza dall’esterno, ma anche allo stile del team Ferrari. La combinazione di quei due fattori sembra essere complicata” , conclude l’ex pilota di Formula 1.

Ti potrebbe interessare: Sainz sulla McLaren: “Sono stato colpito dalla reazione alla firma per la Ferrari”

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento