in

Questa Dodge Charger R/T del 1970 è più costosa di un Bentley Bentayga

La muscle car ha percorso circa 1200 km da quando è stato effettuato il completo restauro

Dodge Charger R/T 1970

Sul mercato si trovano pochissime Charger classiche uniche nel loro genere. Il restomod che vi proponiamo in questo articolo, però, non si trova altrove. Nello specifico, si tratta di una Dodge Charger R/T del 1970 che ha subito un importante processo di restauro e che Gateway Classic Cars sostiene che ne è valsa la pena.

Dipinta in Plum Crazy Purple con capote nera, questa muscle car degli anni ‘70 è equipaggiata dal motore Hemi 528 abbinato alla trasmissione Torquelift 727. Inutile dire che si tratta di un nuovo propulsore, quindi è un’auto che ha percorso pochissimi km, esattamente 1187.

Dodge Charger R/T 1970
Dodge Charger R/T interni

Dodge Charger R/T: un bellissimo restomod è in cerca di un nuovo proprietario

Internamente, la Charger R/T restaurata è dotata di sedili in pelle nera, una console centrale in legno e nuovi indicatori che dispongono dell’aspetto originale utilizzato sul modello del 1970. A bordo ci sono anche diversi optional come aria condizionata, cerchi in alluminio, freni e servosterzo e nuovo lettore audio.

Secondo quanto spiegato da Gateway Classic Cars nell’annuncio pubblicato su eBay, questa Charger è una delle ultime vere muscle car Mopar prodotte. Si tratta di una vettura capace ancora di assicurare delle prestazioni di alto livello e inoltre è anche ottima per i viaggi in autostrada.

Il venditore afferma che se si sta cercando un’auto Mopar che non deluda, questa è la scelta giusta. Passando alla parte più triste, per portarsi a casa questa Dodge Charger R/T restaurata bisogna pagare ben 193.500 dollari (178.996 euro), il che significa che è più costosa anche del Bentley Bentayga il cui modello base parte da poco più di 170.000 euro.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento