in

Fiat Chrysler: in Sud America la situazione dei fornitori è preoccupante

Secondo il CEO di Fiat Chrysler in America Latina la situazione dei fornitori di FCA nel continente è preoccupante

Fiat Chrysler USA Sede Insegna
Fiat Chrysler USA

Sorpreso dalla pandemia, che ha azzerato le vendite, il presidente di Fiat Chrysler in America Latina, Antonio Filosa, prevede forti cali della domanda fino al quarto trimestre di quest’anno. Secondo l’esecutivo, il lavoro presso la casa automobilistica è garantito almeno fino a novembre per superare la crisi, ma la situazione della catena di approvvigionamento è preoccupante. “Avremo fornitori, in particolare quelli di piccole e medie dimensioni, in bancarotta. Quindi, più che perdere posti di lavoro, il che è già drammatico, stiamo parlando di perdere parte della catena. La fine di maggio sarà già un mese di grandi problemi, ma non vedo nessuno o molto pochi in grado di arrivare a giugno “, dice.

Nei prossimi giorni, il dirigente, che ha lavorato nella produzione durante la sua carriera, eseguirà una simulazione per testare le misure di sicurezza in fabbrica. Il dirigente della casa automobilistica italiana afferma che preparerà le condizioni interne, ma nota che la ripresa arriverà solo se lo scenario esterno della pandemia lo consentirà. La crisi, aggiunta al tasso di cambio e alla caduta del petrolio, posticipa il futuro dell’arrivo dei veicoli elettrici, ma il progetto è mantenuto, ha affermato il numero uno di Fiat Chrysler Automobiles in America Latina.

Ti potrebbe interessare: Fiat Chrysler: calo del 12% delle vendite in America Latina a causa di Covid-19

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento