in

Carlos Tavares rinuncia al 35% dello stipendio come CEO di PSA

Carlos Tavares, presidente esecutivo del gruppo PSA (Peugeot-Citroën), rinuncerà al 35% dello stipendio fisso del 2020 per aiutare nella lotta contro il nuovo coronavirus

Carlos Tavares, presidente esecutivo del gruppo PSA (Peugeot-Citroën), rinuncerà al 35% dello stipendio fisso del 2020 per aiutare nella lotta contro il nuovo coronavirus. L’amministratore delegato portoghese donerà 600 mila euro alla Fondazione PSA, in modo che possa fornire attrezzature e servizi agli operatori sanitari, secondo le informazioni diffuse questo mercoledì. Nel 2019. Carlos Tavares ha ricevuto un totale di 7,6 milioni di euro di stipendio. Il leader del gruppo automobilistico francese farà a meno di un altro terzo del suo stipendio perché ha rinunciato a 50.000 azioni PSA. Al prezzo di 12 euro per azione, Carlos Tavares non riceverà l’equivalente di 600 mila euro.

Il suo esempio sarà seguito dai primi 100 dirigenti del gruppo PSA, che annulleranno un totale di 335.000 azioni. Ciò corrisponde, in media, al 21% del salario, cioè a oltre quattro milioni di euro. Finora la Fondazione PSA ha donato quasi 700.000 mascherine, ha prodotto 10.000 ventilatori e ha persino sviluppato visiere protettive. Nel caso del Portogallo, lo stabilimento PSA di Mangualde è coinvolto in due progetti di produzione di ventilatori, con CEiiA e il Politecnico di Viseu. Mercoledì scorso, PSA ha pubblicato il rapporto e i conti del 2019. Il documento mostra che Carlos Tavares ha ricevuto un totale di 7,602 milioni di euro l’anno scorso, lo 0,4% in meno rispetto al 2018.

Ti potrebbe interessare: Fusione FCA-PSA: nuove dichiarazioni di Tavares sul nome e sulla sede del gruppo

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento