in

Kubica: “Le simulazioni non potranno mai sostituire le gare reali”

Robert Kubica pensa che le gare virtuali sono un modo per passare il tempo ma non potranno mai sostituire le corse reali

Kubica Alfa _ 5

Le corse virtuali sono sicuramente un modo divertente per passare il tempo, ma non potranno mai essere un degno sostituto delle corse reali. Questa è l’opinione del pilota di riserva Alfa Romeo Robert Kubica. Il Pool a volte si avventura in un gioco di iRacing da casa e anche a lui piace, ma a suo avviso sicuramente non supera il vero lavoro.

Tuttavia, molti piloti sono pienamente coinvolti. Kubica lo capisce e ha detto a Przeglad Sportowy: “Ho disattivato rapidamente il simulatore non volevo interrompere il mio relax. Non è possibile per un pilota partecipare a una sessione e rilassarsi allo stesso tempo. Forse lo farò ancora ogni tanto, ma io spero il meno possibile, perché ciò significherebbe che le vere corse sono ricominciate “.

“Le competizioni virtuali sono di alto livello e sono un modo per colmare questo periodo, ma le corse sim non possono sostituire la vita reale. In tal caso, avremmo già avuto altri campioni del mondo. Le persone che partecipano sono specialisti. Si allenano per diverse ore ogni giorno per anni, non hai alcuna possibilità contro di loro “.

“Ma correre da casa non ha nulla a che fare con le corse reali. È divertente, ma è ridicolo dire che gli sport e le corse online possono farti dimenticare il vero campionato del mondo di Formula 1″, ha dichiarato Kubica, che quest’anno lavora per l’Alfa Romeo e combinerà la sua attività di pilota di riserva e di simulazione con le corse nel DTM.

Ti potrebbe interessare: ‘Vettel ha la volontà, ma a volte non è abbastanza’ secondo Kubica

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento