in

Ricciardo: “Leclerc sta facendo quello che avrebbe fatto Jules Bianchi”

Daniel Ricciardo ha deciso di ricordare Jules Bianchi dicendo che se fosse vivo probabilmente avrebbe fatto quello che sta facendo Leclerc

Charles Leclerc e Jules Bianchi
Charles Leclerc e Jules Bianchi

Daniel Ricciardo ha deciso di dedicarsi in questi giorni alla condivisione della sua vita e ha avviato l’iniziativa di pubblicare un piccolo giornale ogni mese. Nella prima puntata, ci racconta i suoi rivali più sottovalutati e mette in evidenza Jules Bianchi. Il pilota australiano rimpiange che l’incidente mortale che il giovane pilota francese ha subito nel 2014 ci abbia privato del godimento del suo talento e fermato il suo sogno di essere un pilota Ferrari oggi. Jules Bianchi era alla sua seconda stagione in Formula 1 quando ha avuto un incidente dopo il quale è morto molti mesi dopo. Stava  correndo per la Marussia ed era destinato a diventare un pilota Ferrari, come riconosciuto dalla stessa Scuderia del cavallino rampante.

Daniel Ricciardo ricorda i lampi di talento mostrati dal francese nel suo breve periodo nel Grande Circo e si rammarica che questo evento fatale gli abbia impedito di continuare con il suo sogno, poiché l’australiano crede che se non fosse stato per quello, avrebbe sicuramente ottenuto già delle vittorie. “Non è che Jules fosse sottovalutato, ma non potremmo mai vederlo con una scuderia di vertice, quindi forse la gente non ha apprezzato quanto sarebbe stato bravo. Ricordo la sua prestazione con la Marussia a Monaco nel 2014, i primi punti della squadra. Monaco è come Macao, nel senso che non c’è modo di ottenere un risultato di fortuna lì. Era il 100% suo merito “, condivide Ricciardo.

“Nel karting Jules era ‘The Pilot’. Ci siamo incontrati mentre ci allenavamo in Formula Medicine in Italia e tutti, anche se avevamo solo 17 anni, lo trattavano come se fosse già un pilota di Formula 1″, ha detto. “Sono stato in grado di incontrarlo e siamo diventati amici, molto rapidamente ho scoperto chi era e cosa aveva fatto. Questa parte è ciò che rende la sua storia così triste perché sarebbe stato in una squadra leader e avrebbe vinto gare oggi “si lamenta Daniel.

Il pilota della Renault non ha dubbi sul fatto che Jules avrebbe brillato alla Ferrari oggi, proprio come sta facendo Charles Leclerc. “In un certo senso, sento che Charles sta facendo quello che Jules farebbe ora, è come se Charles fosse la versione successiva di quello che Jules avrebbe fatto”,  ha concluso Ricciardo.

Ti potrebbe interessare: Charles Leclerc: “Suzuka per me è sempre legata alla morte di Jules Bianchi”

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento