in

Il coronavirus potrebbe compromettere la fusione tra PSA e FCA

La pandemia di coronavirus potrebbe compromettere o ritardare la fusione tra PSA e FCA

La pandemia di coronavirus ha generato non solo un’emergenza sanitaria, ma anche un duro colpo all’attività di molti settori, grande incertezza e perdita di libertà. Ma le conseguenze economiche saranno serie: si dice già che sia peggiore della crisi del 2008, nonostante sia visibile solo la punta dell’iceberg. Dopo il settore turistico, l’ industria automobilistica (che stava vivendo un momento difficile) potrebbe essere un altro grande perdente, poiché le fabbriche hanno chiuso e l’acquisto di una nuova auto non sarà una priorità. Inoltre, la fusione di PSA e Fiat Chysler Automobiles (FCA) potrebbe essere messa a repentaglio.

Questa è la grande operazione del settore automobilistico che darebbe origine al quarto produttore al mondo, dopo Volkswagen, Toyota e l’alleanza Renault-Nissan-Mitsubishi ; con 13 marchi: Peugeot, Citroën, DS, Opel, Vauxhall, Fiat, Chrysler, Alfa Romeo, Jeep, Abarth, Lancia, Maserati e Dodge. Una fusione annunciata lo scorso ottobre e che a dicembre ha ottenuto l’approvazione dei suoi principali azionisti: la famiglia Peugeot , il gruppo cinese Dongfeng e il governo francese da parte di PSA; e dalla famiglia Agnelli sul lato FCA.

Ma ora, il coronavirus potrebbe compromettere l’operazione o almeno ritardarla. Entrambi i gruppi si concentrano sulla loro liquidità, che hanno recentemente rafforzato. PSA ha chiesto un prestito di 3 miliardi di euro, quindi i suoi contanti ammontano a 6.000 milioni, mentre più di una settimana fa, FCA ha esteso le sue linee di credito di 3,5 miliardi, motivo per cui hanno già superato gli 11,2 miliardi (hanno aggiunto a quelli che aveva già un valore di 7,7 miliardi). Inoltre, l’ agenzia di rating Moody’s li ha entrambi sottoposti a revisione, al ribasso, come ha fatto con altre sei case automobilistiche.

Fiat Chrysler ha deciso  inoltre di ritardare l’ Assemblea degli azionisti, che si sarebbe dovuta tenere il 16 aprile, che rinvierà il completamento dell’accordo di fusione con PSA. Inoltre, l’approvazione della distribuzione del dividendo ordinario annunciato (che comporterebbe un esborso di 1.100 milioni) è stata ritardata.

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento