in ,

Vendite auto, Saladino (Dataforce Italia): Europa spettacolo indegno

Salvatore Saladino, Country Manager di Dataforce Italia, ha così commentato la situazione delle immatricolazioni

mercato auto
Open Doors Day in Strasbourg. Raising of the flags - Opening ceremony.

Crollano le vendite auto in Italia: azzerato da coronavirus. Situazione drammatica per industria e lavoratori. Salvatore Saladino, Country Manager di Dataforce Italia, ha le idee chiare. Che abbiamo sintetizzato in qui in basso.

Vendite auto: 4 idee per rinascere

Saladino evidenzia numerosi problemi che attanagliano il mondo dell’auto. Ecco che cosa serve in Italia.

  1. Un’immediata abolizione delle sanzioni CO2 per il 2020.
  2. L’allineamento fiscale dell’automobile a quello applicato da Germania, Gran Bretagna e Spagna.
  3. Un piano coordinato di incentivi alla rottamazione e all’acquisto: non solo di vetture nuove; ma anche km 0 e usato almeno Euro 5. Senza distinzione di alimentazione.
  4. Eliminare le azioni ingiustificate di limitazioni alla circolazione che gravissimi effetti hanno avuto sui consumatori e (dimostrazione dell’ignoranza di chi le impone) sull’aria.

Mercato delle vetture: quali accuse alla politica

Senza quei 4 provvedimenti, dice Saladino, le conseguenze di mercato e occupazionali saranno devastanti. Inoltre, tutto questo dovrebbe essere azione concertato e condiviso dall’Unione europea in prima battuta e, a cascata, da tutti gli Stati membri. Ma ecco l’attacco del Country Manager di Dataforce Italia. Quattro le accuse.

  1. Stiamo assistendo allo spettacolo più indegno di quanto potevamo immaginare. Un’Europa che non esiste. E che anzi si mette di traverso nel momento più cruciale.
  2. Un governo italiano che fa proclami senza attuare nulla e non perdendo occasione per esasperarci con una burocrazia che sa tanto di presa in giro.
  3. Un’opposizione che sfrutta ogni momento per recitare l’esatto opposto con un “bestiario” da antologia e nessuna ipotesi di collaborazione.
  4. Infine i media, di ogni genere, colpevoli di sfruttare questa storia e di non dare spazio all’informazione vera. Quella che dovrebbe vedere e proporre soluzioni per e oltre la crisi. Invece, vengono usate le tragedie di chi muore per fare share, per fare più rumore possibile.

La previsione di Dataforce sulle vendite auto 2020

Ovviamente, la previsione di Dataforce sulle vendite auto 2020 è da rivedere alla luce della pandemia di Covid-19. Sentiamo Saladino.

  1. La media di immatricolazioni vetture da lunedì 16 marzo è stata di 142 auto al giorno.
  2. I 20 giorni lavorativi di aprile potrebbero quindi consegnarci un mese sotto le 3.000 immatricolazioni, un decimo di quelle del mese appena concluso (aprile 2019 ne contò 175.655).
  3. Maggio non ci regalerà una vera ripresa.
  4. Chiudere il 2020 intorno a 1.150.000 vetture è oggi altamente probabile.