in

Alfa Romeo vince due volte ai “Motor Klassik Awards”

Un’altra doppia vittoria per l’Alfa Romeo ai “Motor Klassik Awards”

Alfa Romeo Giulia Sprint GT 1963
Alfa Romeo Giulia Sprint GT 1963

I lettori della rivista specializzata tedesca hanno nominato l’Alfa Romeo Spider come l’auto classica più popolare nella categoria “Convertibili”. L’Alfa Romeo Giulia Sprint GT ha vinto il premio inaugurale per la “vettura sportiva popolare” più ambita. Un’altra doppia vittoria per l’Alfa Romeo ai “Motor Klassik Awards”. L’ultima volta, i lettori della rivista tedesca hanno incoronato due dei classici vincitori del classico marchio italiano nelle rispettive categorie. L’Alfa Romeo Spider – presentato nel 1966 – trionfò con il 24,9 percento dei voti nella categoria “Convertibili”.

L’Alfa Romeo Giulia GT – lanciata tre anni dopo – ha ricevuto il 34,8 percento dei voti nel premio inaugurale per la più ambita “vettura sportiva per persone”. Questo prestigioso riconoscimento arriva in un anno speciale per il marchio. Nel 2020, celebriamo i primi 110 anni dell’Alfa Romeo, una pietra miliare dell’automobilismo con i suoi trofei, innovazioni tecnologiche e creazioni memorabili su quattro ruote, proprio come i due straordinari modelli che hanno portato a casa i “Motor Klassik Awards”.

Lo straordinario design dell’Alfa Romeo Spider di prima generazione, comunemente noto come “Duetto”, è un capolavoro di Battista Pininfarina. La due posti con un motore da 1,6 litri da 80 kW (109 CV) fu esposta al Salone Internazionale dell’Automobile di Ginevra del 1966. La gamma fu successivamente completata con un motore da 1,3 litri da 65 kW (88 CV) e una versione a quattro cilindri con una capacità di circa 1.750 cc e una potenza di 87 kW (119 CV). L’Alfa Spider è diventata una star internazionale dopo la sua inclusione nel film di grande successo “The Graduate” (Il Laureato), interpretato anche da Dustin Hoffman e Anne Bancroft. Nel 1969, la casa automobilistica del Biscione presentò una versione rielaborata della Spider, con una parte posteriore tagliata (“Kammback”).

Ti potrebbe interessare: Alfa Romeo trionfa ai “Motor Klassik Awards 2019”