in

La Formula 1 non partirà il 7 giugno: rinviato anche il Gp dell’Azerbaigian

Il Grand Prix dell’Azerbaigian è stato rinviato, spostando la data di inizio provvisoria per la stagione di Formula 1 2020 al 14 giugno in Canada

Formula 1 Baku
Formula 1 Baku

Il Grand Prix dell’Azerbaigian è stato rinviato, spostando la data di inizio provvisoria per la stagione di Formula 1 2020 al 14 giugno in Canada. Lanciato originariamente come l’ottavo round della stagione 2020, l’evento dell’Azerbaigian è diventato l’ottava gara da posticipare o annullare mentre i funzionari della F1, dopo essere stati criticati per aver agito lentamente in Australia, continuano a mostrare un atteggiamento più proattivo nei confronti della pandemia globale di coronavirus.

La dichiarazione conferma che si sono tenuti colloqui tra i promotori della gara, la FIA e la F1 sulla fattibilità di tenere la gara in un momento in cui è impossibile indovinare come sarà il quadro globale della salute in una settimana, figuriamoci in tre mesi ‘. Con il GP del Canada a Montreal che dovrebbe svolgersi una settimana dopo la data prevista per la gara di Baku, sembra essere solo una questione di tempo prima che un altro annuncio sia in arrivo.

La dichiarazione ufficiale del Baku City Circuit che conferma la decisione recita: Il rinvio è stato concordato dopo ampie discussioni con la Formula 1, la Federazione internazionale dell’Automobile (FIA) e il governo della Repubblica dell’Azerbaigian. Questo è il risultato diretto della pandemia globale in corso COVID-19 ed è stato interamente basato sulla guida di esperti fornita dalle autorità competenti. Nel giungere a questa conclusione, la principale preoccupazione di BCC è stata la salute e il benessere del popolo azero, nonché di tutti i tifosi in visita, dello staff e dei partecipanti al campionato.”

“BCC condivide la delusione dei suoi fan per non essere in grado di provare l’apice della corsa automobilistica per le strade di Baku questo giugno. A tal fine, continueremo a lavorare a stretto contatto con la Formula 1, la FIA e il governo della Repubblica dell’Azerbaigian per monitorare la situazione al fine di annunciare una nuova data di gara più avanti nella stagione 2020. Tutti i biglietti per il FORMULA 1 AZERBAIJAN GRAND PRIX 2020 continueranno ad essere validi, senza alcuna formalità aggiuntiva. Non appena la nuova data del Grand Prix sarà confermata, tutti gli spettatori saranno informati di conseguenza sulle opzioni disponibili, sia per coloro che hanno acquistato i loro biglietti attraverso il sito Web del Circuito di Baku City (www.bakucitycircuit.com) sia attraverso altri canali.”

“I pensieri di tutti sul circuito cittadino di Baku durante questa situazione avvincente e senza precedenti vanno a tutti coloro che sono direttamente e indirettamente colpiti dalla pandemia di coronavirus. Desideriamo ringraziare tutti i nostri sostenitori, clienti e partner per la vostra comprensione e non vediamo l’ora di darvi il benvenuto a Baku più avanti nel corso dell’anno per un’azione di corsa più imprevedibile ed emozionante nella Home of the Street Fighters. Nel frattempo, ti chiediamo di stare al sicuro e di rimanere a casa se puoi.”

Gli organizzatori del GP canadese, nel frattempo, insistono sul fatto che siano in corso piani per la loro gara, anche se riconoscono di essere soggetti al mutevole panorama globale. Un messaggio sul sito web di GPCanada recita: “I preparativi per il Gran Premio del Canada di Formula 1 2020 previsto per il Campionato mondiale di Formula 1 per il 12,13 e 14 giugno stanno andando bene e stanno seguendo il loro corso. Questa è una situazione che stiamo costantemente monitorando e che si sta evolvendo rapidamente. Si prega di notare che siamo in costante comunicazione con i membri della Formula 1, la FIA e le autorità pubbliche. La nostra priorità rimane quella di ospitare un evento sicuro sia per gli spettatori che per il personale. Se la situazione dovesse continuare a evolversi, ci affideremo all’esperienza dei professionisti della salute pubblica e ti terremo aggiornato.”

Ti potrebbe interessare: Calendario Formula 1: Baku e Zandvoort a rischio, Paul Ricard in attesa