in

Marko paragona la controversia FIA-Ferrari con la corruzione della FIFA

Marko afferma che ciò che sta accadendo ora in Formula 1 può essere confrontato con il cosiddetto caso di corruzione della FIFA

Sebastian Vettel con Helmut Marko

Helmut Marko insiste nel considerare uno scandalo la controversia del motore Ferrari. Dopo aver letto ieri la risposta della FIA sull’argomento, il consulente Red Bull afferma che ciò che sta accadendo ora in Formula 1 può essere confrontato con il cosiddetto caso di corruzione della FIFA.
La Formula 1 sta attraversando la più grande crisi dei suoi 70 anni di storia, a seguito di un’indagine sui motori Ferrari dello scorso anno che si è conclusa in un accordo privato tra FIA e Scuderia.

Le altre squadre, che dubitano della legalità dell’unità di potenza, hanno chiesto spiegazioni e al momento hanno trovato una risposta solo dalla Federazione in cui giustificano il loro diritto al silenzio mediante regolamento. Tutta questa segretezza innervosisce Helmut Marko, che accusa la Ferrari di aver derubato la Red Bull illegalmente del secondo posto nel campionato 2019. Per il consulente Red Bull, tutto questo inizia a somigliare al grande scandalo sulla corruzione della FIFA del 2015-2016. Marko critica il modo in cui la FIA e Jean Todt gestiscono il caso e afferma che si tratta di un “suicidio politico”.

“Il tutto ha raggiunto proporzioni simili a quelle della FIFA. C’è solo una lettera di differenza tra la FIA e la FIFA. In qualsiasi altra associazione, questo sarebbe un suicidio politico che Jean Todt, come leader, ha approvato. La FIA ha screditato uno sport in cui investiamo milioni di euro ogni anno “, critica Marko nelle dichiarazioni del quotidiano tedesco TZ. Il quotidiano “La Repubblica” ritiene che semplicemente la FIA abbia ammesso che ci sono alcune aree tecniche che sfuggono al suo controllo. “Quello che è successo dimostra la fragilità della FIA. Non hanno i mezzi per raggiungere la fine della questione in queste complesse situazioni tecniche create da dozzine di ingegneri in ogni squadra”.

Ti potrebbe interessare: L’Australia rafforza i suoi controlli, ma mantiene le porte aperte alla Ferrari

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento