in

Maserati Bora: la supercar dell’era Citroën nel nuovo episodio Made in Modena

Ermanno Cozza e Giorgio Manicardi parlano della mitica supercar realizzata sotto la guida di Citroën

Maserati Bora Made in Modena

Continuiamo a parlarvi della serie Made in Modena realizzata da Maserati che ci permette di riscoprire alcuni dei suoi capolavori del passato. Il settimo episodio è dedicato alla mitica Maserati Bora del 1971. Abbiamo di fronte una delle auto storiche del Tridente più ricercate fra i collezionisti del settore automotive per via del suo particolare design.

Accanto all’esperto Ermanno Cozza questa volta c’è Giorgio Manicardi, ex manager della casa automobilistica modenese. Manicardi ricorda che, nel ‘67, Citroën era alla ricerca di una soluzione per realizzare un motore da abbinare a una vettura top di gamma.

Maserati Bora Made in Modena
Maserati Bora interni

Maserati Bora: la supercar V8 protagonista nel settimo episodio di Made in Modena

Dopo un accordo preso fra l’ingegnere Alfieri e il produttore francese, nacque nel 1971 la Maserati Bora. Sotto il cofano troviamo un potente propulsore V8 cilindri da 4.7 litri abbinato a un design davvero particolare e sicuramente poco tipico per quell’epoca.

Nel filmato, Giorgio Manicardi cita alcune caratteristiche particolari presenti a bordo della vettura come ad esempio freni e frizioni dotati di un impianto ad alta pressione, sedili basculanti, pedaliera regolabile e sistema alza fari. Un altro dato molto importante è la velocità massima raggiunta dal veicolo pari a ben 280 km/h, numeri che all’epoca non erano sicuramente alla portata di tutte le auto.

Lo scatto da 0 a 100 km/h, invece, avveniva in circa 6,2 secondi. Il propulsore V8 bialbero era in grado di sviluppare una potenza di 310 CV a 6000 giri/min ed è abbinato a un cambio ZF a 5 rapporti. Il propulsore è stato montato longitudinalmente con un rapporto di compressione di 8,5:1, oltre alla presenza di quattro carburatori Weber e un’accensione elettronica Bosch.