in

Alfa Romeo Giulietta: taglio della produzione in arrivo

In vista dello stop definitivo, FCA potrebbe ridurre ulteriormente la produzione della sua segmento C

In attesa di annunci ufficiali, è chiaro che oramai siamo entrati nella fase finale della carriera dell’Alfa Romeo Giulietta. La segmento C del marchio italiani, che ha registrato un forte calo di vendite in Europa nel 2019, si appresta ad uscire dal mercato e, come sappiamo, non potrà contare su di una nuova generazione.

Secondo alcune indiscrezioni delle ultime settimane, lo stop definitivo alla produzione della Giulietta arriverà nel corso della prossima primavera. Il gruppo FCA, infatti, deve avviare i preparativi per la partenza della produzione del Maserati D-SUV a Cassino, stabilimento dove attualmente è in produzione la Giulietta. La linea della segmento C sarà dismessa e gli investimenti per l’entry level di Maserati inizieranno a concretizzarsi.

In attesa dello stop definitivo, secondo i rumors in arrivo da Cassino in queste ore, la produzione dell’Alfa Romeo Giulietta potrebbe essere tagliata ulteriormente scendendo sino da 70 a 40 unità per ogni giorno lavorativo. Anche in queste prime settimane dell’anno, infatti, le richieste per la segmento C sono in costante calo e non vi sarebbe più la necessità di mantenere livelli produttivi troppo elevati, anche per evitare un inutile surplus.

Da notare che FCA continuerà a ricorrere con frequenza elevata alla cassa integrazione per lo stabilimento di Cassino, dove vengono prodotte anche Giulia e Stelvio. Le richieste per i modelli Alfa Romeo continuano ad essere molto basse (come confermato dai dati di gennaio in Europa) e probabilmente sarà necessario attendere il D-SUV Maserati per registrare un sostanziale aumento dei lavori di produzione. Nuovi dettagli sul futuro di Cassino dovrebbero arrivare nel corso dei prossimi mesi, probabilmente ad inizio del secondo trimestre dell’anno in corso.

Alfa Romeo Giulietta: c’è ancora per speranza per una nuova generazione?

Rispondere a questa domanda non è facile. Potenzialmente, infatti, in futuro, dopo la fusione tra FCA e PSA, potrebbero esserci le risorse e le piattaforme (in arrivo dal gruppo PSA) per la realizzazione di una nuova generazione di Alfa Romeo Giulietta. Il progetto però potrebbe essere realizzato solo se Alfa Romeo riuscirà a risollevarsi.

Come anticipato da FCA in occasione dell’annuncio del nuovo piano industriale di Alfa Romeo, per il marchio italiano sono stati tagliati gli investimenti. Nuove risorse verranno destinate al marchio solo se i prossimi progetti, il Tonale ed il B-SUV in arrivo nel 2022, otterranno il successo sperato. Sarà, quindi, necessario attendere almeno un paio d’anni prima di scoprire se ci sarà spazio per una nuova Giulietta.

Bisogna sottolineare, in ogni caso, che il mercato europeo sta facendo registrare un netto calo delle richieste per le compatte di segmento C. Nel 2019, infatti, sono state vendute circa 2,65 milioni di unità in questo segmento con un calo di oltre 100 mila unità rispetto all’anno precedente, pari ad una flessione percentuale del -5%.

L’andamento del segmento nel corso dei prossimi anni potrebbe influenzare la decisione finale in merito ad una possibile nuova generazione di Giulietta. Come detto, sarà necessario attendere ancora qualche anno prima di poter avere la possibilità di vedere una nuova Giulietta. Nel frattempo, gli Alfisti europei dovranno “accontentarsi” della Giulia e di una gamma composta da SUV (Stelvio, Tonale e C-SUV).