in

Todt: “Leclerc campione mondiale se la Ferrari glielo permette”

L’ex amministratore della Ferrari considera Leclerc già ai vertici della Formula 1

Todt

Ospite d’eccezione del Monaco Press Club nel bel mezzo del Rally di Monte-Carlo, Jean Todt ha raccontato a La Gazette de Monaco i numerosi successi conseguiti in carriera e i propositi futuri: la presidenza della Federazione Internazionale dell’Automobile dove il suo obiettivo è quello di raggiungere la neutralità carbonica il più rapidamente possibile, il ruolo di inviato speciale delle Nazioni Unite per la sicurezza stradale e persino il suo glorioso passato come direttore generale della Scuderia Ferrari, offrendo la propria  opinione sul nuovo beniamino Charles Leclerc.

In settimana si è recato a Ginevra, Parigi e Davos, ha attraversato l’Italia e San Marino, prima di sbarcare nel Principato, dove è stato ospite d’eccezione del Monaco Press Club durante il Rally di Montecarlo. Ex copilota di rally e grande capo del Cavallino Rampante in Formula 1, l’attuale presidente della Federazione Internazionale dell’Automobile (FIA) ha mantenuto un ritmo di vita molto elevato e “carbon footprint”, sottolinea con un sorriso Yann-Antony Noghès.

Stanno cercando di ridurlo, replica. È in questo senso che la FIA e la Formula Uno hanno annunciato l’adesione delle loro organizzazioni alla Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici. E Jean Todt avverte: se e quando firma, è perché ci sono azioni concrete.

Jean Todt: coscienza ecologica

La salvaguardia dell’ambiente è uno degli obiettivi di Jean Todt. È sotto la sua presidenza che la Formula E è nata nel 2014. In questa stagione 12 costruttori sono impegnati in corse elettriche, che raggiungeranno lo status di campione del mondo tra pochi mesi. La competizione di monoposto elettriche dal 2020-2021 è ufficialmente un campionato mondiale FIA.

Una qualifica attribuita dopo la quinta stagione della manifestazione, quella che ne ha definitivamente sancito il successo di pubblico e interesse a livello globale attirando brand prestigiosi, tra cui, in ordine di tempo, Porsche e Mercedes-Benz.

I membri della Federazione Internazionale dell’auto, ente di governance sportivo e tecnico del motorsport a livello planetario presieduto da Jean Todt, in comunione con quelli del FIA World Motor Sport Council (WMSC) hanno compiuto il grande passo ottenuto l’esito positivo nella votazione, che ha decretato l’ingresso dei Gran Premi a elettroni nel grosso giro.

I progressi compiuti in sei anni sono stati enormi, mentre il range e il tempo di ricarica sono stati sensibilmente diminuiti. Nel 2014 sono state necessarie due monoposto per ogni pilota per completare una gara di 45 minuti. Ora ne basta una sola. L’obiettivo è quello di incoraggiare le persone ad acquistare veicoli elettrici nelle città. Per Jean Todt, le corse automobilistiche dovrebbero essere una vetrina e un laboratorio. Sviluppano più rapidamente nuove tecnologie e nuovi carburanti. Insiste, citando un altro traguardo.

La Formula Uno si è impegnata a muoversi verso la neutralità del carbonio entro il 2030, ma spera che saranno più ambiziosi. Avere benzina a zero emissioni di carbonio dal 2023/2024 rappresenterebbe un’evoluzione. Peccato per chi chiede a gran voce la denaturazione dello sport motoristico, soprattutto con l’introduzione dei motori ibridi in F1. Se questa decisione non fosse stata presa dieci anni fa – controbatte Jean Todt – la disciplina sarebbe stata molto criticata oggi e forse anche in pericolo.

Priorità alla sicurezza

L’altra preoccupazione principale di Jean Todt è la sicurezza stradale. In qualità di inviato speciale delle Nazioni Unite, egli accoglie con favore gli straordinari progressi nei cosiddetti Paesi sviluppati. Nel 1973, 18.000 persone sono morte sulla strada. Quasi 50 anni dopo, con il triplo dei veicoli in circolazione, la triste cifra era scesa a 3.250. Sono ancora troppi, sentenzia, aggiungendo che si rammaricava anche della situazione nei Paesi in via di sviluppo dove gli incidenti stradali erano una pandemia peggiore dell’AIDS, della malaria e della tubercolosi con 1.400.000 morti ogni anno.

Eppure, la prescrizione è nota: qualità delle auto, delle strade e dei servizi di soccorso, educazione, forze dell’ordine. Bisogna essere severi per Jean Todt, riferendosi al dibattito sul limite di velocità di 80 km/h e sull’uso delle cinture di sicurezza a Monaco, argomento di cui ha discusso con il Principe. È stata organizzata una campagna di prevenzione con 18 celebrità, tra cui la Principessa Charlène e Charles Leclerc. Se Charles dice ‘mettiti la cintura di sicurezza’, ha più effetto che se è un poliziotto o un politico.

Un consiglio a Charles Leclerc

Gradualmente, la discussione si sposta verso la F1. Logico, visto come Jean Todt ha segnato la storia della categoria regina del motorsport. Primo straniero alla guida della Scuderia Ferrari (1993-2007), il francese si è distinto per aver rifornito gli scaffali dei trofei di Maranello di 14 nuovi trofei (otto costruttori, sei piloti, di cui cinque raddoppiati con Michael Schumacher dal 2000 al 2004). Dal suo congedo, il team di Maranello si è aggiudicato appena un titolo costruttori.

Tuttavia, Jean Todt è approdato dal rally. Rispettato copilota e poi direttore di successo della Peugeot Sport dal 1982 al 1993, deve il suo arrivo in Rosso solo a Bernie Ecclestone, il quale per vendere il suo prodotto, aveva bisogno di una squadra competitiva tipo la Ferrari. Pensava che fosse in grado di riprodurre in F1 quello che avevo fatto con la Peugeot.

Altrettanto inevitabile, una domanda su Charles Leclerc. Un giorno il monegasco sarà campione iridato? Inizialmente restio a entrare nel merito, lasciando la responsabilità di gestire il brillante alfiere al figlio, Nicolas, Jean Todt si è finalmente lasciato andare ad un commento. O meglio, un suggerimento.

Deve assicurarsi di avere una macchina e una squadra che gli permetta di vincere. Gli augura di diventare campione del mondo: se lo merita. Tutto dipende dalla monoposto che guida. Ma ritiene che l’auto incida nella misura dell’80 per cento, mentre il restante 20 per cento spetta al driver. E lui quel 20% lo ha già.