in

Dispositivo anti-abbandono: molti genitori non hanno capito la legge

Il 18% degli intervistati non è rimasto soddisfatto della quantità di incentivi messi a disposizione dal Governo

Dispositivi anti-abbandono indagine

Uno studio condotto per conto di Bluon, per il lancio del dispositivo anti-abbandono MyMi, è stato riportato che quasi un quarto dei 2852 genitori intervistati (con figli nella fascia d’età 0-4 anni) non ha inteso la legge riguardante i sistemi anti-abbandono da utilizzare in auto.

Le persone intervistate hanno dichiarato che la legge è stata approvata frettolosamente ed è poco chiara. Più precisamente, l’indagine riporta che il 43% degli intervistati ha trovato poco precisa la norma mentre il 30% dà la colpa alla sua approvazione avvenuta troppo velocemente. Il 18%, invece, non è d’accordo sui pochi incentivi messi a disposizione per permettere alle famiglie di acquistare un dispositivo anti-abbandono oppure un nuovo seggiolino con questo già integrato.

Dispositivi anti-abbandono indagine
Dispositivi anti-abbandono, il 38% degli intervistati sostengono che sono molto costosi

Dispositivo anti-abbandono: il 43% dei genitori intervistati ha trovato poco chiara la norma

Dei genitori con figli da 0 a 4 anni, l’89% non ha ancora acquistato un dispositivo anti-abbandono. Della percentuale di coloro che l’hanno già comperato, il 37% lo ha fatto per via dell’approvazione della norma mentre il 35% per questioni di sicurezza.

Anche se molti genitori non riescono ancora a capirne il funzionamento, sono comunque consapevoli del fatto che in questi ultimi anni si sono verificati diversi casi di abbandono. Sempre secondo lo studio effettuato per conto di Bluon, circa sei intervistati su 10 sostengono che l’errore avviene a causa dei ritmi frenetici della società di oggi.

Inoltre, il 4% sostiene che potrebbe accadere a chiunque lasciare il proprio figlio in auto e quasi l’1% ammette che gli è già capitato. Per questo, è necessario ricorrere a delle soluzioni per poter portare a zero questa percentuale.

In seguito alla domanda su quali caratteristiche dovrebbe possedere un dispositivo anti-abbandono per essere efficace, il 50% dei genitori intervistati sostiene che dovrebbe funzionare senza lo smartphone (quindi in modo indipendente), il 49% afferma che dovrebbe essere universale (quindi adattarsi a tutti i seggiolini presenti sul mercato) mentre il 47% sostiene che dovrebbe attivarsi automaticamente.

Fra i principali problemi riscontrati tra i dispositivi anti-abbandono già presenti in commercio, vi è l’obbligo di dipendere dallo smartphone o da Internet (41%), dal costo elevato (38%) e dalla scarsa quantità dei pezzi disponibili sul mercato (21%).

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento