in

Ferrari teme un conflitto di interessi nella gestione della F1

Louis Camilleri, ha affermato che ci sarebbero “conflitti di interessi” nel caso in cui un membro chiave di un team di Formula 1 finisse per occuparsi della gestione del campionato

Ferrari Formula 1
Ferrari Formula 1

Il CEO della Ferrari, Louis Camilleri, ha affermato che ci sarebbero “conflitti di interesse” nel caso in cui un membro chiave di un team di Formula 1 finisse per occuparsi della gestione del campionato nel caso di abbandono di Chase Carey. Carey ha preso il posto di Bernie Ecclestone come CEO delle F1 nel 2017 attraverso l’acquisizione di Liberty Media, ma sono circolate voci che potrebbe lasciare la sua posizione dopo il 2020.

Ciò ha portato alla speculazione che il capo della Mercedes Toto Wolff potrebbe essere l’uomo scelto per ricoprire la posizione. Ma Camilleri ritiene che qualsiasi membro chiave di una F1 avrebbe “conflitti di interessi” durante la gestione. “Penso che chiunque sia stato davvero un protagonista attivo e importante in una certa squadra negli ultimi anni, non possa assumersi la responsabilità della F1. Ciò creerebbe automaticamente conflitti di interesse, percepiti o meno”, ha detto ad Autosport.com.

“Quindi personalmente penso che non sarebbe una buona cosa per la F1”. Camilleri ritiene inoltre che, per la posizione di Carey, un candidato debba avere esperienza nel settore dell’intrattenimento per aiutare lo sport piuttosto che una figura interna. Vedremo dunque chi sarà il sostituto di Carey se davvero il dirigente deciderà di dire addio alla Formula 1.

Ti potrebbe interessare: Hamilton e Wolff alla Ferrari? per Marko è solo una strategia

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento