in

Rc auto con scatola nera: è boom nel 2019

Ben una Rca su 4 ha la scatola nera: dati del 30 dicembre 2019

Female Motorist Involved In Car Accident Calling Insurance Company Or Recovery Service

Rc auto con scatola nera: un successo sempre più forte. L’obiettivo è risparmiare. Infatti, con la black box, la compagnia è almeno in teoria più tutelata contro le frodi. Specie al Sud, dove i tantissimi guidatori virtuosi vogliono dimostrare di essere onesti. A differenza dei pochissimi che inventano sinistri di sana pianta, con testimoni fasulli. Come spendere meno? Con la black box. Che monitora la dinamica degli incidenti.

Rc auto con scatola nera: i numeri

Stando all’Ivass (Istituto di vigilanza sulle compagnie), il tasso di penetrazione della scatola nera è pari al 22,6 per cento, con un aumento su base annua del +1,9 per cento. Invece, l’89,8 per cento dei contratti è soggetto aì uno sconto sul premio di tariffa. E la riduzione media (168 euro) ha un peso del 34 per cento sul premio di tariffa (491 euro). Meridione protagonista: la percentuale di sconto sulla tariffa è maggiore tra le province caratterizzate da premi più elevati (Caserta: 40,9 per cento; Napoli: 39,5 per cento; Taranto: 37,2 per cento).

Black box: ecco i contratti in Italia

I contratti con clausole di riduzione del premio legate alla presenza della scatola nera sono caratterizzati da una percentuale di sconto più elevata (39,4 per cento) rispetto ai contratti privi di scatola nera (28,7 per cento). Ricordiamo che è facoltativo, sia per le compagnie sia per gli automobilisti. Di obbligatorio, c’è solo la Rca standard, semplice.

Rca, è il momento di risparmiare

È il periodo giusto per risparmiare. Nel terzo trimestre del 2019 è proseguito il trend decrescente dei prezzi Rca, in flessione su base annua del -2,2 per cento (-1,5 per cento nel trimestre precedente). Il premio rilevato (410 euro) è più basso di circa 10 euro rispetto al premio pagato nello stesso trimestre del 2018 (419 euro).

Differenze Rca Nord-Sud

Enormi le discrepanze di prezzo Rca fra Nord e Sud. Nel terzo trimestre del 2019 il premio pagato a Napoli (620 euro) è circa il doppio di quello pagato ad Aosta (301 euro). Tuttavia il differenziale tra le due province, calcolato sul premio al netto delle imposte, è in diminuzione ed è passato da 248 a 238 euro. Tale fenomeno è determinato principalmente dalla progressiva diminuzione del livello dei prezzi in Campania (Napoli: -2,2 per cento) mentre il premio risulta quasi invariato ad Aosta (-0,6 per cento). A livello provinciale, Napoli e Prato sono le uniche province con premio maggiore a 600 euro. Quattro province (Caserta, Pistoia, Massa-Carrara e Firenze) sono caratterizzate da un livello di prezzi superiore a 500 euro. Tra le prime sei province con i premi più elevati, tre siano ubicate in Toscana (Prato: 603 euro; Massa-Carrara: 511 euro; Firenze: 504 euro). Perché? Forse per la massiccia presenza di guidatori stranieri che non conoscono benissimo le regole del Codice della Strada?

Nel 2020, batosta per oltre un milione di assicurati

Ma per chi ha causato un incidente nel 2019 sono guai. Scatta la doppia penalità: peggioramento di due classi di merito a sinistro. Addirittura 4 classi per 2 incidenti. E così via. Per facile.it, il nuovo anno si apre con una brutta notizia per quasi 1,2 milioni di italiani: tanti sono gli automobilisti che dovranno fare i conti con un peggioramento della propria classe di merito. In termini percentuali si tratta del 3,76% del campione analizzato (circa 510.000 preventivi di rinnovo raccolti a dicembre 2019). E la Rca familiare farà abbassare i prezzi? Secondo l’Ania (compagnie) no: anzi, Rca in crescita per colpa di quella nuova legge. Che beffa.