in

Ferrari d’accordo con i limiti al budget della F1 che altrimenti morirà lentamente

Per il CEO di Ferrari Camilleri bisogna limitare ancora di più i Budget in Formula 1 per salvare il campionato

Ferrari Formula 1
Ferrari Formula 1

Il CEO della Ferrari, Louis Camilleri, è ben consapevole che la Formula 1 ha bisogno di un limite di budget per impedire allo sport di “morire lentamente”. Il numero uno del cavallino rampante suggerisce che la Formula 1 deve limitare il budget per garantire che lo sport sia economicamente praticabile. Nel 2021 sarà istituito un limite di bilancio di $ 175 milioni. Tuttavia, questo copre solo alcuni aspetti. Il costo degli stipendi dei piloti, lo sviluppo del motore e i tre principali dipendenti dell’azienda saranno tutti esenti dal massimale.

Per il CEO di Ferrari Camilleri bisogna limitare ancora di più i Budget in Formula 1 per salvare il campionato

Camilleri spiega come il budget previsto per la stagione 2021 sia un buon inizio, ma dovrà essere più rigoroso negli anni futuri per aiutare lo sport. Il numero uno della Ferrari ha dichiarato che questo limite previsto per il 2021 rappresenta un buon inizio ma col tempo sicuramente si deve fare di più.

Secondo Camilleri, nel tempo tale limite di budget dovrebbe comprendere anche stipendio di piloti, dirigenti e tutto quello che oggi non viene inserito. Perché sempre secondo il Presidente della società di Maranello, alla fine se lo sport non è economicamente praticabile, lentamente potrebbe morire.

I contorni per la revisione del regolamento del 2021 sono stati rivelati qualche giorno prima del Gran Premio degli Stati Uniti che si è svolto il ​​31 ottobre 2019. La Formula 1 e la FIA hanno confermato che è ancora possibile apportare modifiche a questo nuovo regolamento.

Ti potrebbe interessare: La Ferrari ha permesso a Vettel di vincere a Singapore per aumentare la sua fiducia

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento