in

Incidenti: crescono quelli causati dalle velocità troppo basse

Nel 2018 si sono verificati 26 incidenti con feriti gravi causati dalla velocità troppo bassa

Incidenti velocità troppo bassa
Incident

Il Ministero dei Trasporti inglese ha condotto un’interessante ricerca la quale ha rivelato che nel Regno Unito si sono verificati tre incidenti gravi a settimana (con aumento del 75% negli ultimi cinque anni) causati dai guidatori che viaggiano ad una velocità inferiore al limite prestabilito.

Sempre secondo quanto riportato dall’indagine, durante tutto il 2018 si sono verificati 26 incidenti con feriti gravi, due mortali e 132 con ferimenti meno gravi causati da automobilisti che viaggiavano a una velocità parecchio bassa.

Incidenti velocità troppo bassa
Incidenti, crescono del 75% negli ultimi cinque anni quelli causati dalle basse velocità

Incidenti: il Ministero dei Trasporti inglese è preoccupato dei guidatori che viaggiano a velocità troppo basse

Il Ministero dei Trasporti afferma che la guida troppo lenta porta gli altri conducenti a sorpassare usando una corsia inappropriata, peggiorare le condizioni del traffico ecc.

Durante un’intervista al Daily Star, Hugh Bladon – membro fondatore dell’Alliance of British Drivers – ha dichiarato: “La guida troppo lenta causa frustrazione negli altri automobilisti e può indurre sorpassi azzardati, la cosa più pericolosa che si possa fare su strada”.

Bladon ha proseguito dicendo: “I limiti di velocità bassi sono un problema, proprio come automobilisti che guidano piano perché trainano oggetti come le roulotte. Ma ci sono anche persone che non si sentono molto sicure al volante e guidano piano perché sono timorose. Non credo ci sia molto da fare in questi casi, ma stabilire limiti di velocità più realistici, dove la prescrizione sia adeguata al tipo di strada piuttosto che al capriccio di qualche benpensante, sarebbe d’aiuto”.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento