Jeep: prossimo obiettivo 2 milioni di unità l’anno, parola di Manley

Jeep è attualmente uno dei marchi di maggior successo del gruppo Fiat Chrysler Automobiles, se non addirittura quello migliore in assoluto, almeno per quanto concerne gli ultimi tempi. A dimostrazione di ciò basti notare la sua forte espansione in diversi mercati, come la Cina, il Medio Oriente e in Europa. E le previsioni anche migliori, cosi come spiegato ad ABC Motori da Mike Manley, responsabile del marchio. La celebre casa automobilistica americana di Fiat Chrysler Automobiles indubbiamente ha lavorato molto bene, soprattutto nel 2016.

Jeep: le previsioni di Mike Manley

Mike Manley sostiene che quest’anno le vendite saranno tra 1,4 e 1,5 milioni di unità nei diversi mercati in cui Jeep opera, grazie al buon andamento di Jeep Renegade e Compass. L’importante dirigente ha confermato ad ABC Motori che l’obiettivo di Jeep per il futuro prossimo è quello di raggiungere l’obiettivo di 2 milioni di unità vendute nel 2018. Del resto uno sguardo veloce al segmento dei SUV permette di avvertire molto chiaramente quanto sia rapida la sua crescita. Proprio per questo motivo il capo del brand ritiene che vi siano margini per poter fare ancora meglio soprattutto grazie all’arrivo di nuove automobili a cominciare dalla nuova Jeep Compass.

Egli inoltre mette anche in evidenza come all’interno del marchio Jeep vi siano due poli opposti: da un lato quello rappresentato dalla Jeep Wrangler e dall’altro da Grand Cherokee. L’obiettivo della casa americana di Fiat Chrysler sarà quello di muoversi verso una delle due estremità nella maniera più naturale possibile e senza perdere la propria identità. Il dirigente poi passa a parlare del mercato europeo dicendosi molto soddisfatto dell’andamento delle vendite, che secondo lui è la dimostrazione che con un prodotto adatto e una rete di vendita ben preparato nessun traguardo è precluso.

La Renegade rappresenta il maggior successo nei mercati al di fuori degli Stati Uniti per Jeep, mentre il Nord America rimane il mercato in cui la casa americana da il meglio di se ponendosi al vertice del suo segmento. Questo è un traguardo importante secondo Mike Manley, soprattutto se si considera che Jeep quando fu presa da Fiat Chrysler partiva praticamente da zero.  Il top manager ci tiene a sottolineare come Jeep nella gamma attuale offra diversi sistemi di guida offorad autonoma come controlli per le discese e le salite. La cosa importante, secondo Manley, è che la tecnologia offerta dai nuovi veicoli permetta ai propri clienti di raggiungere i loro obiettivi.

Molte novità nel futuro della casa americana

Sempre nel corso della medesima intervista rilasciata ai colleghi di ABC Motor, il capo del brand Jeep parla anche della possibilità che in futuro arrivino i primi veicoli elettrici per Jeep. Del resto questa non è un fenomeno locale ma bensì una necessità globale con la quale tutte le case automobilistiche prima o poi in futuro dovranno fare i conti. Manley annuncia che le prime importanti novità da questo punto di vista arriveranno nel 2020 mentre nel 2025 questa tecnologia comincerà ad interessare copiosamente tutta la gamma del brand americano.

Leggi anche: Alfa Romeo ad ottobre 2016 in Italia è cresciuta del 31,31 per cento

nuova Jeep Grand Wagoneer
Nuova Jeep Grand Wagoneer: il rendering di Laco Design che prova ad immaginare il nuovo top di gamma di Jeep

Leggi anche: Fiat Chrysler: ad ottobre bene le vendite in Europa, male in Nord America

Infine Mike Manley ribadisce che l’obiettivo è quello dei due milioni di veicoli venduti l’anno entro il 2018. Questo avverrà anche grazie ad alcuni nuovi modelli a cominciare dalla nuova Jeep Compass, il futuro Grand Wagoneer che sarà il nuovo top di gamma e anche all’introduzione di un mini crossover di meno di 4 metri di lunghezza. Tanta carne al fuoco per il brand americano di FCA nei prossimi anni che si garantirà in questa maniera un futuro da protagonista nel mondo dei motori.