in ,

Alfa Romeo: a novembre vendite in crescita del +2,3% in Europa ma il parziale annuo è ancora negativo

Ecco come stanno andando le vendite di Alfa Romeo in Europa nel 2019

I dati di vendita di novembre legati al mercato europeo confermano una leggera crescita per il marchio Alfa Romeo che, dopo un 2019 fortemente negativo, sembra aver trovato un suo equilibrio registrando il terzo mese consecutivo con immatricolazioni in crescita rispetto allo scorso anno. C’è da dire, in ogni caso, che, a differenza di quanto registrato a settembre (+26%) e ottobre (+11%), i risultati ottenuti a novembre in Europa da Alfa Romeo mostrano una crescita solo marginale ed inferiore alla media del mercato europeo che a novembre ha fatto registrare un buon +4.9%.

Nel corso del mese di novembre appena terminato, infatti, Alfa Romeo ha registrato un totale di 4,065 unità vendute con un miglioramento di poche decine di unità rispetto ai dati raccolti nel novembre dello scorso anno. La crescita percentuale di Alfa Romeo in Europa a novembre è pari al +2.3%. Per il marchio italiano, inoltre, si registra una quota di mercato pari allo 0.3%, in linea con il novembre dello scorso anno. Da segnalare, in ogni caso, che nel novembre del 2018 il marchio italiano vendeva quasi il doppio (circa 7.500 unità) rispetto a quanto registrato nel novembre del 2019.

Per il marchio italiano, inoltre, il dato parziale relativo al 2019 continua ad essere negativo. Tra gennaio e novembre, infatti, Alfa Romeo ha venduto 49,733 unità in Europa con un calo del 36.9% rispetto ai dati registrati lo scorso anno e con una quota di mercato che passa dallo 0.5% allo 0.3%. Da notare che Alfa Romeo continua ad essere il marchio con il peggior risultato percentuale in Europa in questo 2019.

Il 2019 dovrebbe chiudersi per Alfa Romeo con meno di 55 mila unità vendute in Europa, un risultato inferiore di quasi 30 mila unità rispetto ai dati raccolti nel corso del 2018. Per i dati completi relativi all’anno in corso sarà necessario attendere la metà del prossimo mese di gennaio. Ricordiamo, inoltre, che il 2020 dovrebbe seguire una linea molto simile al 2019 per il marchio italiano.

Alfa Romeo, infatti, non ha sostanziali novità in arrivo e le nuove Giulia e Stelvio MY 2020, in concessionaria da inizio anno, dovrebbero compensare l’ulteriore calo di vendite della Giulietta, oramai prossima all’uscita dalla produzione nel corso dei prossimi mesi. Per ulteriori novità sarà necessario attendere il 2021 con il debutto del Tonale ed i restyling di metà carriera di Giulia e Stelvio. Solo nel 2022 arriverà l’ancora inedito e misterioso Alfa Romeo B-SUV, nuovo entry level della gamma.

Vendite Alfa Romeo in Europa: Italia primo mercato, poi Germania e Spagna

Per quanto riguarda i singoli mercati continentali, segnaliamo come a novembre Alfa Romeo abbia venduto 2.037 unità in Italia (+9.9%). In sostanza, il mercato del nostro Paese vale circa la metà delle vendite complessive del marchio in Europa. Questo dato si riflette nel parziale annuo con un totale di 23.858 unità vendute ed un calo del 42% rispetto allo scorso anno.

Il secondo mercato europeo di Alfa Romeo è la Germania dove a novembre si registra un ottimo +40% con un totale di 410 unità vendute. Da inizio anno, la casa italiana ha venduto 3865 unità in Germania registrando un calo più contenuto (-25%) rispetto a quello evidenziato in altri Paesi. Dopo il mercato tedesco, tra i principali mercati di Alfa Romeo c’è la Spagna con 3600 unità vendute ed un calo percentuale del 18% rispetto ai risultati ottenuti nel corso del 2019.

Segnaliamo come sia in Germania che in Spagna a spingere le vendite del marchio italiano è l’Alfa Romeo Stelvio. Il SUV della casa italiana, infatti, compre il 52% delle vendite di Alfa in Germania e ben il 72% delle vendite in Spagna confermandosi come il punto di riferimento dell’intero marchio. In Italia, invece, l’incidenza delle vendite di Stelvio è leggermente più bassa (46%).

Tra i principali mercato europei segnaliamo le 3.380 unità vendute da inizio anno in Francia, dove il marchio italiano fa registrare un vero e proprio crollo delle consegne (-57% e oltre 4 mila unità vendute in meno su base annua). Dati negativi arrivano anche dal Regno Unito (3211 unità vendute ed un calo percentuale del 17%) e dalla vicina Svizzera (2667 unità vendute ed un calo del -22%).

Da segnalare anche le 682 unità vendute nei Paesi Bassi, un dato che comporta un calo del 50% rispetto ai risultati ottenuti nel 2018 da Alfa Romeo, le 1.355 unità vendute in Austria, dove si registra un calo del 33% rispetto ai dati dello stesso periodo dello scorso anno, e le 536 unità in Portogallo, con un calo del 49%.

Sembra che le notifiche siano off!