in

FIA: “Il sequestro del motore di Ferrari è stato solo un controllo di routine”

La FIA smentisce che il motore Ferrari sia stato sequestrato per sospetti sulla sua irregolarità

Sebastian Vettel e Charles Leclerc - Ferrari
Sebastian Vettel e Charles Leclerc - Ferrari

Sulla scia del Gran Premio del Brasile, la FIA ha sminuito i suggerimenti che il sistema di alimentazione della Ferrari sia stato confiscato a causa delle accuse di irregolarità che si sono diffuse nel paddock di Formula 1 alla fine settimana del Gran Premio degli Stati Uniti. La Red Bull e la Mercedes hanno sollevato dubbi sulla legalità dell’unità di potenza della Ferrari nel 2019, una terza direttiva tecnica è stata ora emanata dall’organo di governo dello sport.

La FIA smentisce che il motore Ferrari sia stato sequestrato per sospetti sulla sua irregolarità

Ciò significa che dal 2020 verrà aggiunto un nuovo sensore per monitorare se i team non stanno violando le regole del flusso massimo di carburante, ma sembra che il problema non riguardi esclusivamente la Ferrari. RTL afferma che insieme alla Ferrari, anche i sistemi di alimentazione di  Haas a motore Ferrari e una Red Bull-Honda sono stati sequestrati dalla FIA in Brasile.

Tuttavia, un portavoce della FIA ha dichiarato all’emittente tedesca che non è giusto dire che il sistema di alimentazione è stato “confiscato”, ma piuttosto che si è trattato di un “controllo” di routine e niente di straordinario. Vedremo dunque quali sviluppi porterà questo controllo di routine della FIA e vi aggiorneremo nel caso in cui dovessero arrivare notizie interessanti.

Ti potrebbe interessare: Mattia Binotto litiga con Horner per le sue dichiarazioni sul motore Ferrari

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento