in

Fiat Chrysler e PSA devono risolvere un grosso problema in Cina

Il Gruppo PSA e Fiat Chrysler Automobiles dovranno lavorare molto per non chiudere fabbriche in Cina

PSA e FCA
PSA e FCA

Il Gruppo PSA e Fiat Chrysler Automobiles, stanno lavorando ad una fusione per creare la quarta casa automobilistica più grande del mondo. I due produttori automobilistici hanno già affermato che non chiuderanno le fabbriche. Probabilmente potranno mantenere una simile promessa nella maggior parte dei mercati, ma non con la Cina. PSA e FCA gestiscono ciascuna una joint venture con colleghi locali in Cina, ma tutte le partnership hanno un disperato bisogno di ristrutturazione e ridimensionamento.

Mentre PSA e FCA non hanno rivelato come intendono integrare le loro operazioni globali, uno dei due partner cinesi di PSA ha deciso di rompere i legami con la casa automobilistica francese. Il 28 ottobre, tre giorni prima che Fiat Chrysler e PSA rivelassero la fusione, Changan Automobile Co., con sede nel comune di Chongqing, nel sud-ovest della Cina, aveva immesso sul mercato la sua quota del 50% di Changan PSA. Changan, che gestisce anche una joint venture non redditizia con Ford Motor Co., non vede l’ora di liberarsi dall’onere finanziario nell’ambito della partnership PSA.

Changan PSA è stata fondata nel 2011 nella città di Shenzhen, nel sud della Cina, per costruire e commercializzare auto Citroen DS. Ha sempre  dovuto fare i conti con perdite da quando ha lanciato la produzione nel 2013. A partire da settembre, la joint venture ha accumulato perdite nel tempo di 4,9 miliardi di yuan ($ 703 milioni), secondo le informazioni divulgate da Changan. PSA ha in gran parte fallito nel creare Citroen DS come marchio premium in Cina come previsto.

Di conseguenza, la joint venture, che può costruire fino a 200.000 veicoli all’anno, non ha mai venduto un numero significativo di veicoli. Le vendite annuali hanno raggiunto il picco nel 2014 a circa 23.000. Nel 2018, il numero si è ridotto a meno di 4.000. Nei primi tre trimestri di quest’anno, Changan PSA ha venduto solo 2.030 veicoli, secondo la China Passenger Car Alliance, una società di consulenza con sede a Shanghai.

Dopo che Changan ha annunciato l’intenzione di scaricare la partecipazione nella joint venture, l’ufficio cinese di PSA ha dichiarato in una nota la scorsa settimana che il marchio DS “riceverà uno sviluppo significativo” in Cina invece di uscire dal mercato. Vista la prolungata flessione del mercato cinese dei nuovi veicoli, chi potrebbe essere interessato a rilevare la quota del 50% in Changan PSA di Changan? Il candidato più probabile sarebbe Dongfeng Motor Group. Dongfeng Peugeot Citroen, fondata nel 1992 nella città cinese di Wuhan, produce e distribuisce auto Peugeot e la gamma Citroen, ad eccezione della gamma DS.

Dietro volumi generati da nuovi modelli, in particolare crossover come Peugeot 2008 e 3008, il volume annuale di Dongfeng Peugeot Citroen ha raggiunto il massimo record di 704.000 veicoli nel 2015. Ma le vendite della joint venture si sono ridotte da quando altre case automobilistiche globali come General Motors e Nissan Motor Co hanno aggiunto modelli crossover. Dongfeng Peugeot Citroen gestisce quattro impianti in grado di sfornare ogni anno un totale di 840.000 veicoli a piena capacità, ma le vendite sono diminuite del 33% a circa 253.000 nel 2018. Nei primi nove mesi di quest’anno, le consegne sono precipitate del 56% a 91.049. Con l’accelerazione del crollo delle vendite, Dongfeng Peugeot Citroen ha perso oltre 2,5 miliardi di yuan nel solo primo semestre, secondo le ultime informazioni finanziarie disponibili che Dongfeng ha rivelato sulla joint venture.

Per quanto riguarda invece Fiat Chrysler, nel 2010 FCA ha costituito una joint venture con GAC Motor Co. nella città di Changsha, nella Cina centrale, che inizialmente costruiva autoveicoli per il marchio Fiat. La partnership ha registrato una forte crescita dal 2016 al 2017 sui volumi generati da tre modelli Jeep prodotti localmente: Cherokee, Renegade e Compass. Ma il boom delle vendite è stato di breve durata per GAC FCA: i loro stabilimenti a Changsha e nella città di Guangzhou, nella Cina meridionale, possono produrre fino a 328.000 veicoli all’anno.

Con il mercato che sta scivolando e altri marchi globali come la Volkswagen che lanciano più SUV in Cina, le vendite della joint venture si sono rapidamente esaurite. Nell’aprile 2018, GAC FCA ha lanciato il quarto modello Jeep assemblato localmente, il Grand Commander. Tuttavia, le consegne annuali del grande SUV sono crollate del 39% nel 2018 a meno di 125.200, secondo GAC. Né Fiat Chrysler né GAC comunicano i risultati finanziari della joint venture. Ma un volume così piccolo ha reso impossibile per la joint venture essere redditizia. Le vendite della joint venture sono scese di un altro 46 percento a 52.372 nei primi tre trimestri del 2019.

Sia PSA che Fiat Chrysler utilizzano solo una piccola parte della loro capacità produttiva locale poiché la domanda complessiva di veicoli in Cina rimane soggetta a un indebolimento dell’economia. Le due case automobilistiche, cercando di rilanciare le operazioni, probabilmente non hanno altra via d’uscita che chiudere alcuni degli impianti sottoutilizzati che gestiscono con partner locali.