in

PEC: potrebbe diventare obbligatoria per tutti gli automobilisti

L’indirizzo di posta elettronica certificata verrà usato per ricevere notifiche riguardo ad eventuali avvisi di pagamento

PEC

Il nuovo Codice della Strada porterà con sé delle novità in merito a multe, limiti di velocità e ritiro patenti. Oltre a questo, è stata posta particolare attenzione anche agli aspetti burocratici. Ad esempio, potrebbe passare una proposta di legge che impone gli automobilisti a dotarsi di una PEC, ovvero una casella di posta elettronica certificata come quella usata da imprese e professionisti possessori di partita IVA.

L’attivazione della PEC servirebbe per le pratiche amministrative. La proposta è stata presentata dal Consiglio Nazionale Economia e Lavoro (CNEL) e prevede, come detto poco fa, che il proprietario debba procurarsi un indirizzo di posta elettronica certificata da abbinare al numero di targa della nuova vettura durante la fase di immatricolazione oppure al momento della revisione di un’auto già in possesso.

PEC
PEC, l’indirizzo dovrà essere abbinato al numero di targa della vettura

PEC: presentata una proposta di legge dal CNEL per renderla obbligatoria

L’automobilista sfrutterà la PEC per ricevere notifiche riguardanti avvisi di pagamento su multe o bollo auto, per esempio. Oltre a questo, l’indirizzo permetterebbe alle persone di pagare la contravvenzione direttamente online visto il passaggio dalla classica raccomandata alla notifica telematica.

Secondo quanto dichiarato dal CNEL, l’introduzione della PEC permetterebbe di velocizzare le pratiche burocratiche, portando un risparmio alle casse della Pubblica amministrazione. Rispetto al classico indirizzo di posta elettronica, la PEC ha valore legale (lo stesso di una raccomandata A/R) e inoltre riduce praticamente a zero i tempi di invio e consegna visto che il tutto avviene come se fosse un classico messaggio e-mail.

Al momento non sappiamo il costo che ogni automobilista dovrà sostenere per aprire una casella di posta elettronica certificata o se il Governo metterà a disposizione un apposito servizio. Fatto sta che al giorno d’oggi, per poter entrare in possesso di una PEC, è necessario pagare all’incirca 5 euro + IVA all’anno.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento