in

F1 2021: analisi tecnica del nuovo regolamento

Le novità introdotte in Formula 1 a partire dal 2021

F1 2021: regolamento aerodinamica monoposto
Confronto SF90 e vetture F1 2021

La Formula 1 negli ultimi anni è diventata la categoria automobilistica più complessa di sempre e ancora oggi si cercano soluzioni molto particolari e altrettanto difficili per spingere l’auto quanto più forte possibile. Anche la gestione logistica, degli sponsor e così via è diventata davvero molto difficile da gestire. Uno dei problemi principali delle monoposto moderne è la mancanza di sorpassi, o il fatto che sia stato adottato un sistema che agevola il sorpasso chiamato DRS

Il perché avviene tutto ciò è da imputare alla complessa aerodinamica di una vettura da Formula 1. Un’auto con elevato carico aerodinamico (incidenza alare, flap orizzontali e bandelle verticali), fanno sì che l’auto dietro di sé lasci dei veri e propri vortici che se presi dall’auto che insegue peggiora notevolmente la tenuta di strada, non consentendo a quest’ultima di guadagnare i decimi importanti per poter portare a termine il sorpasso decisivo.

Anzi, stare a distanza ravvicinata all’auto avanti per troppo tempo senza riuscire a passare porta ad un incremento delle temperature del motore e ad un’usura eccessiva degli pneumatici. In vista del 2021, perciò, la F1 renderà l’aerodinamica più semplice proprio per favorire l’inseguimento da vicino delle auto e rendere le gare più spettacolari. 

Riforma Formula 1 (2021), i punti chiave:

Con un render pubblicato online da Giorgio Piola è possibile analizzare i 12 punti chiave del regolamento che entrerà in vigore dal 2021. 

F1 2021: effetto suolo e semplificazione aerodinamica
F1 2021: le 12 novità
  1. Il primo punto è un ritorno al passato, più precisamente agli anni Novanta con l’ala anteriore che diventa un tutt’uno con il profilo principale della monoposto.
  2. Inoltre, (secondo punto), l’andamento ad arco del profilo principale consente di migliorare l’indirizzamento del flusso di aria fino alle pance laterali e aiuteranno il famoso effetto suolo. Con quest’ultimo si intende il fenomeno del “risucchio” dell’auto sull’asfalto tenendola ancorata maggiormente per migliorare l’aderenza.
  3. La terza novità riguarda il fatto che i profili alari degli endplates (punto 3 della figura) non saranno più a spigolo vivo, ma arrotondati. Questo per evitare il fenomeno comune della foratura della gomma quando si verifica un contatto, anche molto leggero, tra le due auto.
  4. Il quarto punto riguarda il miglioramento complessivo dell’aerodinamica, preferendo maggiormente la forma “a goccia”. Ciò porta ad avere meno turbolenze. Un primo passo è già stato fatto quest’anno con la completa eliminazione delle bandelle verticali sulle ali anteriori.
  5. Il punto numero 5 riguarda la copertura per i cerchi in carboresina. In questo modo si eliminano i raggi dei cerchi che di solito sono motivo di ulteriori turbolenze alle ruote, peggiorando la resistenza all’avanzamento.
  6. Il sesto punto riguarda i tagli aerodinamici all’altezza delle ruote che vedranno come funzione solo quella di raffreddamento, senza portare miglioramenti aerodinamici.
  7. Una novità introdotta dalla Formula E, la categoria più veloce al mondo di auto elettriche. Si tratta di deviatori di flusso per pulire il flusso proveniente dalla rotazione degli pneumatici.
  8. I badgeboard, ovvero delle ali posizionate subito prima delle pance laterali. Più che badgeboard, dal 2021, si avranno dei tunnel, con l’eliminazione, perciò, di tutte le appendici aerodinamiche presenti sulle vetture di quest’anno.
  9. Anche l’Halo (Punto 9) subirà delle modifiche: sarà più allungato al punto da sembrare un prolungamento della carrozzeria, nonché perfettamente integrato nella monoposto.
  10. Il punto 10 vede le modifiche al fondo, prontamente modellato per favorire l’effetto suolo (di cui abbiamo già parlato prima).
  11. Il diffusore vedrà una variazione dell’angolo di attacco di un paio di gradi con una lunghezza palesemente maggiore. Queste dimensioni maggiorate servono per ritrovare l’effetto suolo e compensare la perdita aerodinamica delle semplificazioni.

f1-2021 aerodinamica del diffusore

  1. Per ultima, ma non meno importante, la nuova ala posteriore (punto 12 della figura) che vede una semplificazione notevole di componenti. Nel caso dell’ala posteriore sarà maggiorata la deportanza a scapito della velocità massima e le bandelle verticali avranno il ruolo di smaltire meglio le turbolenze senza penalizzare l’auto che segue.

Ecco il Video che illustra alcune delle novità introdotte per le prossime monoposto di Formula1 realizzato direttamente dalla FIA