in

Mattia Binotto si aspetta che la Ferrari sia di nuovo competitiva a Monza

Mattia Binotto ritiene che la Ferrari abbia un’altra grande opportunità di ottenere una seconda vittoria della stagione a Monza

Mattia Binotto - Ferrari
Mattia Binotto - Ferrari

Mattia Binotto ritiene che la Ferrari abbia un’altra grande opportunità di ottenere una seconda vittoria della stagione, quando il circo di F1 viaggerà in Italia per la gara di Monza nel prossimo fine settimana. Domenica la scuderia di Maranello ha ottenuto la sua prima vittoria della stagione mentre Charles Leclerc ha ottenuto la sua prima vittoria in Formula 1. Ci si aspettava che la Ferrari creasse più grattacapi alla Mercedes in questa stagione, ma non è andata così fino ad ora, anche se la velocità delle monoposto del cavallino rampante in rettilineo li potrebbe favorire anche nel prossimo fine settimana. 

Dopo la vittoria di Leclerc a Spa, Binotto ha dichiarato: “Penso che il modo migliore per avvicinarsi a Monza sarebbe stato quello di vincere molte gare prima e non solo a Spa. “Ma certamente Spa e Monza sono i circuiti più sensibili alla potenza e abbiamo dimostrato che il nostro pacchetto è competitivo qui a Spa, e forse ci aspettiamo di essere competitivi anche a Monza, senza dubbio.

“Abbiamo sviluppato alcuni pacchetti a basso carico aerodinamico. Alcuni di questi sono stati usati qui a Spa. Non so cosa abbiano preparato gli altri per Monza, quindi è davvero un punto interrogativo “. Binotto ha aggiunto che assicurarsi finalmente quella sfuggente prima vittoria della stagione è stato positivo per i fan della Scuderia, che ha visto l’ultima vittoria per la loro squadra quando Kimi Raikkonen ha vinto negli Stati Uniti la scorsa stagione.

Ha detto: “Ma è anche vero che sappiamo che la nostra auto è competitiva sui rettilinei per la velocità che abbiamo e, dopo Spa, posso dire che saremo competitivi anche a Monza. Penso che la vittoria a Spa sia importante anche per i nostri fan. “Devi fare tutto alla perfezione, dalle qualifiche all’inizio alla gestione della squadra, ai piloti stessi, alla guida. Nulla può essere lasciato al caso e mi aspetto anche che sarà molto difficile a Monza. Dovremo perfezionarci lì, sapendo che sicuramente potremmo anche essere competitivi. “