in

Renault e Nissan rinegoziano l’alleanza per riaprire i negoziati con Fca

I dirigenti di Nissan e Renault cercano di raggiungere un accordo per rivedere la loro alleanza, sperando che la casa automobilistica francese riavvii i negoziati per fondersi con Fiat Chrysler

Fiat Chrysler e Renault

Secondo il Wall Street Journal, Nissan vuole una riduzione della partecipazione di Renault, che detiene il 43,4% del capitale del produttore giapponese. Da parte sua, Nissan detiene il 15% del gruppo Renault senza diritto di voto. Le discussioni, che non sono molto avanzate, sono iniziate a seguito del fallimento della proposta fusione tra Renault e FCA (Fiat Chrysler Automobiles) a fine giugno e potrebbero estendersi fino alla fine dell’anno, scrive ancora il giornale. Infatti, Nissan è attualmente riluttante a un progetto di fusione con Fiat Chrysler mentre il suo accordo è essenziale.

Un riequilibrio delle relazioni tra le due società sarebbe in ogni caso soggetto al via libera dello Stato francese che detiene il 15% del capitale della Renault. Un’approvazione lungi dall’essere acquisita. Come promemoria, lo scorso giugno, durante il suo viaggio a Tokyo, il presidente Emmanuel Macron aveva indicato di aver rifiutato una modifica del “piano di capitale attuale”. Eppure pochi giorni prima, il boss della Nissan Hiroto Saikawa aveva aperto le porte a una pulizia di questa alleanza ventenne. La collaborazione franco-giapponese rimane fragile dopo l’arresto di Carlos Ghosn l’uomo che è all’origine del gruppo. Per ora, Nissan non ha voluto “commentare la speculazione”. Anche Renault e Fiat Chrysler non hanno reagito.

In occasione della pubblicazione dei risultati del gruppo francese alla fine di luglio, il suo amministratore delegato, Thierry Bolloré, aveva assicurato che il progetto di fusione di Fiat Chrysler interrotto non era più pertinente. “Non parliamo con FCA”, ha detto. Il capo della FCA Mike Manley, da parte sua ha stimato mercoledì che il matrimonio con la Renault avrebbe rappresentato “una grande opportunità” grazie alle “sinergie molto importanti” che avrebbe generato. Tuttavia, ha detto che Fca potrebbe sopravvivere da sola, sottolineando che il suo gruppo rimane aperto alle opportunità di fusione.