in

FCA e Renault: lo stato francese senza colpe secondo Bruno Le Maire

Il presidente della Renault ieri aveva accusato il governo francese di aver fatto fallire la trattativa con FCA

fca renault nissan

Davanti agli azionisti della Renault, mercoledì 12 giugno, Jean-Dominique Senard ha messo in discussione lo Stato francese nella fusione abortita tra la casa automobilistica e il gruppo FCA. Bruno Le Maire ha voluto rispondere al presidente della Renault giovedì mattina su franceinfo. Secondo il ministro dell’Economia, lo stato ha “non fatto deragliare il matrimonio tra Renault e Fiat Chrysler” .

Il Ministro Le Maire nega responsabilità nel fallimento della trattativa tra FCA e Renault

“Abbiamo semplicemente chiesto, visto che Nissan non era d’accordo, altri cinque giorni per rivedere una transazione da 30 miliardi di euro di capitalizzazione”, ha detto Bruno Le Maire. Tuttavia, il Ministro dell’Economia ha dichiarato di aver scelto di favorire l’Alleanza già stabilita tra la Renault e il costruttore giapponese Nissan, che vuole “rafforzare” , vedendo “il cuore della redditività di Renault e Nissan”.

Questo fallimento non è definitivo. Bruno Le Maire ha annunciato che “le discussioni con FCA riprenderanno una volta che l’alleanza tra Renault e Nissan sarà stata rafforzata” . Tuttavia, il ministro ha affermato che “finché lo Stato sarà azionista di riferimento di Renault, svolgerà appieno il suo ruolo di azionista di riferimento”. Il ministro dell’Economia ha confermato il suo incontro con Jean-Dominique Senard giovedì mattina. Ha assicurato “il suo sostegno e la sua fiducia” al presidente della Renault. Vedremo dunque nei prossimi giorni come si evolverà la situazione. 

Sembra che tu abbia bloccato le notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento