in

Fusione Renault-FCA: la speranza per un accordo persiste

Nonostante ufficialmente non ci siano notizie da diversi giorni, le trattative tra FCA e Renault continuano

Fusione FCA Renault

La possibilità di una fusione FCA-Renault nelle ultime settimane si è trasformata in una saga con colpi di scena degni di Game of Thrones. L’offerta di Fiat Chrysler Automobiles a Renault in un primo momento sembrava essere stata accettata dal fabbricante d’automobili francese, e per un po’ un accordo sembrò assai vicino. Ma altre parti coinvolte nel gioco, in particolare il governo francese e l’attuale partner dell’alleanza Nissan, hanno chiarito le loro preoccupazioni, creando una situazione complessa con molte questioni in sospeso. Per questo Fiat Chrysler ha ritirato la sua offerta dal tavolo la settimana scorsa.

Nonostante ufficialmente non ci siano notizie da diversi giorni, le trattative tra FCA e Renault continuano

Ma sembra che la possibilità di un accordo ci sia ancora. Nissan, per esempio, sta manifestando il desiderio di trovare motivi per un accordo. La casa automobilistica giapponese ha deciso che ci potrebbero essere benefici derivanti da una fusione FCA-Renault e che una fusione potrebbe avere un effetto leva che potrebbe anche garantire che i suoi interessi siano protetti.

La priorità principale di Nissan è rinegoziare i termini della sua partnership con la società francese e farla rinunciare a una parte della sua quota di proprietà del 43,4% nel produttore giapponese. Le ultime voci dicono che i negoziati sono intensi e che con l’approvazione di Nissan le cose potrebbero finalmente andare nella direzione giusta. Ricordiamo che nel 1999 la casa automobilistica giapponese fu salvata dalla bancarotta dalla Renault.

Nissan, non sorprende, vuole una maggiore indipendenza. La domanda è: la Renault accetterà la sua richiesta? Il governo francese, che possiede il 15% della Renault, ha manifestato la disponibilità a ridurre la sua partecipazione per accontentare Nissan. Come abbiamo detto, dunque tante variabili sono attualmente in gioco e molti interessi in competizione.

Sempre secondo fonti anonime, il presidente di FCA John Elkann e il capo della Renault Jean-Dominique Senard si sono incontrati più volte da quando FCA ha ufficialmente ritirato la sua offerta il 6 giugno. Le discussioni stanno apparentemente procedendo bene, ma nessuna delle parti coinvolte ha rilasciato negli ultimi giorni dichiarazioni ufficiali. Si vocifera però che se ad un accordo si arriverà questo potrebbe venire annunciato nel giro di qualche settimana al massimo.