in

Fiat Chrysler ritira la sua offerta per la Renault

Fiat Chrysler Mercoledì ha improvvisamente ritirato la sua proposta di fondersi con la Renault, non ci sarebbero le condizioni politiche per un accordo

Fiat Chrysler e Renault

Fiat Chrysler mercoledì ha improvvisamente ritirato la sua proposta di fondersi con la Renault, allontanandosi da un accordo che avrebbe potuto ridisegnare radicalmente l’industria automobilistica globale. In una dichiarazione resa mercoledì notte, il gruppo italo americano ha detto di aver continuato a credere che la proposta di fusione, del valore di 33 miliardi di euro, fosse solida, equilibrata e vantaggiosa per tutte le parti. Ma ha aggiunto: “È diventato chiaro che le condizioni politiche in Francia non consentono al momento per una tale combinazione di procedere con successo.”

Due persone vicine ai colloqui hanno detto che Fiat Chrysler si è allontanata dopo che il governo francese, il maggiore azionista della Renault, ha chiesto un rinvio nel voto finale per consultarsi con Nissan, partner della Renault nella più grande alleanza automobilistica del mondo. FCA ha visto lo sforzo di rinviare il voto come un segnale che l’accordo sarebbe potuto in definitiva non andare da nessuna parte. L’improvvisa interruzione delle trattative avrebbe sorpreso molto il governo francese.

Con una produzione totale di 8,7 milioni di veicoli all’anno, dai pick-up Ram alla piccola Renault Clio, una combinazione Fiat-Renault avrebbe spodestato la General Motors come la terza più grande azienda automobilistica al mondo, dietro Volkswagen e Toyota. L’offerta di Fiat Chrysler ha messo in evidenza come le case automobilistiche globali puntino a condividere i costi di un’importante transizione industriale che il settore sta vivendo con il passaggio dai motori a combustione interna ai veicoli elettrici e alle auto a guida autonoma.

Dal momento che Fiat Chrysler ha presentato ufficialmente la sua proposta il 26 maggio, il piano aveva affrontato la resistenza di alcuni azionisti della Renault che sostenevano che il conglomerato italo-americano stesse sottovalutando un gioiello della corona dell’industria francese. Anche il potente sindacato di Francia in Renault si è opposto a un accordo, avvertendo che avrebbe potuto portare a licenziamenti.