in

Kimi Raikkonen: la sua teoria per il flop dell’Alfa Romeo Racing

Kimi Raikkonen: la sua teoria per il flop dell'Alfa Romeo Racing
F1, GP Francia 2019: Alfa Romeo Racing a punti con Kimi Raikkonen

Inizialmente Kimi Raikkonen ha ripreso un ruolo fondamentale in Formula 1, facendo guadagnare punti cruciali all’ Alfa Romeo Racing in classifica costruttori, cosa che Antonio Giovinazzi non è riuscito ancora a fare nella sua prima stagione a tempo pieno in Formula 1.

Avendo semplicemente corso bene a Barcellona, ha sofferto prestazioni frustranti a Montecarlo, battagliando con Lance Stroll in più di un’occasione prima di arrivare al 17° posto. “Ovviamente non eravamo così veloci, sicuramente non quello che volevamo“, ha detto Raikkonen, quando gli è stata chiesta una spiegazione del flop di Alfa.

Kimi Raikkonen spiega le probabili cause del decadimento di prestazioni

Ma a Monaco, se ti qualifichi male, è più o meno la posizione con cui arriverai al traguardo. Dopo il sabato, dopo i primi giri e il pit stop, sai già dove arriverai. A Barcellona penso che abbiamo capito alcune cose sbagliate: queste sono due cose separate, ma i circuiti nel complesso non sono stati buoni per noi. Speriamo di tornare qui [in Canada] in una posizione un po’ più competitiva, ma lo scopriremo solo nel fine settimana, quindi vedremo. Ma non c’è nulla di grave, è solo che ci manca la velocità“.

Kimi Raikkonen

L’ultima volta che Raikkonen è salito sul podio a Montreal è stato nel 2006, e non è riuscito a finire tra i primi tre in sette anni con la Ferrari. Il motore Ferrari montato sull’Alfa Romeo dovrebbe dare una spinta extra durante il fine settimana, ma Raikkonen dice che è necessaria anche velocità in curva.

È una pista piuttosto difficile“, ha detto. “Ovviamente non è un vero e proprio circuito cittadino, ma è molto stretto in alcuni posti, come le uscite delle chicane. Se sbagli i punti di frenata devi superare i dissuasori e se la macchina non è giusta, è facile toccare le pareti. Non è il posto più facile per andare veloce“.