in

Ferrari insiste nel mantenere l’attuale design delle ali anteriori

Mattia Binotto non crede che la squadra debba riconsiderare il suo design dell’ala anteriore

Ferrari

Il team leader della Ferrari, Mattia Binotto, non crede che la squadra debba riconsiderare il suo design dell’ala anteriore, anche se i rivali di Mercedes stanno attualmente dominando la Formula 1 con il loro approccio diverso, più pesante per l’ala anteriore. Le massicce ali anteriori furono uno dei cambiamenti per la stagione 2019 F1 nel tentativo di ridurre l’aria sporca dietro le auto, rendendo più facile seguire le auto davanti e quindi sorpassare.

Ferrari e Mercedes hanno entrambi interpretato l’ala in un modo diverso per la stagione, con il team italiano che ha adottato più efficienza aerodinamica piuttosto che downforce. L’approccio dei tedeschi è sembrato il migliore, poiché hanno concluso tutte e cinque le gare con 5 doppiette, un’impresa che non è mai stata compiuta nella storia della F1. Tuttavia, Binotto ribadisce che l’approccio della Ferrari è ancora quello giusto.

“Penso che non abbiamo bisogno di cambiare la nostra ala anteriore”, ha detto ad Autosport quando gli è stato chiesto del problema. “Semplicemente è un concetto diverso per Mercedes, ma ciò non significa che abbiamo raggiunto il massimo del nostro concetto oggi. Non prevediamo di cambiare il concetto di ala. Il design della Mercedes è stato controllato all’inizio del nostro progetto, quindi è un confronto che abbiamo fatto all’inizio.

“Sicuramente durante la stagione cerchi sempre di ricontrollare quello che hai fatto per vedere se era la scelta giusta, ma non prevediamo un cambiamento in questo momento.” Quello che Binotto fa notare come difetto principale della Ferrari SF90 sono le gomme e in particolare le mescole più morbide, in quanto non riescono a portarle nella finestra giusta. “Quello che ci manca è la presa dalle gomme perché fino ad ora non siamo stati in grado di farle funzionare correttamente.