in

Fiat: muore a 94 anni lo storico manager del brand Gianluigi Gabetti

Ricoprì per 6 anni il ruolo di vicepresidente dello storico brand torinese

Gianluigi Gabetti Fiat

Gianluigi Gabetti è morto a Milano all’età di 94 anni. L’annuncio è stato fatto nelle scorse ore dalla famiglia dello storico dirigente Fiat.

Gabetti ha avuto una carriera imprenditoriale ricca di avvenimenti molto importanti. Dopo aver lasciato il posto di vicepresidente della Banca Commerciale Italiana, l’ex dirigente FIAT iniziò a lavorare per Olivetti. Proprio in quel periodo, il 94enne conobbe Gianni Agnelli, esattamente nel 1971 a New York.

Gianluigi Gabetti Fiat

Gianluigi Gabetti muore all’età di 94 anni dopo una ricca carriera

L’Avvocato rimase colpito dal carisma di Gianluigi Gabetti. Dopo un po’, Agnelli gli propose di tornare in Italia e di entrare a far parte di FIAT ricoprendo il ruolo di direttore generale dell’IFI (holding finanziaria del Gruppo Agnelli).

Dopo essere rientrato nel Bel Paese e trascorso un anno, Gabetti divenne l’amministratore delegato dell’Istituto finanziario industriale. Da quel momento in poi, si creò un legame molto forte fra Agnelli e Gabetti. Quest’ultimo venne eletto dirigente dei rapporti internazionali della Fiat mentre dal 1993 al 1999 ricoprì il ruolo di vicepresidente del marchio torinese.

In seguito alla morte di Gianni e Umberto Agnelli, il 94enne lavorò assieme a Franzo Grande Stevens per consentire a Sergio Marchionne di prendere il comando del brand italiano. Proprio con l’ex top manager italo-canadese, Gianluigi Gabetti strinse un rapporto d’amicizia molto forte. Oltre a questo, la stessa persona guidò le operazioni che portarono John Elkann a vertici dell’azienda.

Il funerale di Gianluigi Gabetti si terrà in forma privata ma verrà svelata la data della Trigesima pubblica che si svolgerà presso la chieda del Santuario della Consolata di Torino.

Sembra che tu abbia bloccato le notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento