in

Maserati non utilizzerà i motori Ferrari a partire dal 2022

La conferma arriva dal CEO di Ferrari

La partnership tra Maserati e Ferrari, che ha permesso a diversi modelli della casa del Tridente di poter contare sui motori prodotti a Maranello, è destinata a terminare. La conferma è arrivata da Louis Camilleri, numero uno di Ferrari, che ha confermato che la fornitura di motori Ferrari a Maserati non sarà rinnovata e terminerà tra il 2021 ed il 2022. 

Le dichiarazioni di Camilleri lasciano più di un dubbio su quello che sarà il futuro di Maserati. Il marchio del Tridente sta vivendo un periodo di transizione ed ha appena chiuso un primo trimestre del 2019 estremamente negativo con le vendite che sono tornate ai livelli del 2013, anno di lancio della Ghibli. La fine della partnership con Ferrari porterà una grande incertezza per le future varianti sportive dei modelli Maserati che, almeno per il momento, non è chiaro su quali motori andranno a puntare per poter offrire prestazioni di alto livello.

Ricordiamo che Maserati ha in programma un massiccio programma di elettrificazione che porterà all’arrivo di nuove supercar ibride e, naturalmente, delle prime Maserati elettriche a zero emissioni. Nei mesi scorsi, la casa italiana ha confermato il debutto della nuova Maserati Alfieri, versione di serie della concept car presentata alcuni anni fa per celebrare i 100 anni del marchio italiano.

Al momento, gli unici punti fermi per il futuro di Maserati sono la nuova Alfieri, che sarà presentata al Salone dell’auto di Ginevra del marzo 2020, e la gamma SUV che, nei prossimi anni, registrerà il debutto di un nuovo D-SUV, prodotto nello stabilimento di Cassino sulla base dell’Alfa Romeo Stelvio, che andrà ad affiancarsi al Maserati Levante, il modello di maggior successo della gamma Maserati.

Come da tradizione FCA, le tempistiche di rinnovamento della gamma e di arrivo dei nuovi modelli per Maserati sono ancora tutte da scoprire. Dopo il pessimo inizio di 2019, il brand ha bisogno di novità significative per rilanciarsi e tornare a crescere. Ricordiamo, infatti, che il piano industriale di FCA prevede che Maserati raggiunga quota 100 mila unità vendute all’anno, un target che, ad oggi, sembra davvero lontanissimo.

Continuate a seguirci per tutti gli aggiornamenti legati al futuro di Maserati ed, in particolare, al futuro della gamma di modelli sportivi della casa italiana che, senza la partnership con Ferrari, dovrà reinventarsi per continuare a rappresentare l’essenza sportiva del marchio.

Fonte